Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

La Regione: Assunzioni bloccate e riorganizzazione
di Michele Giuliano

Salvatore Barbagallo ammette che c’è un’anomalia nelle piante organiche. Un disegno di legge per far fronte a esigenze più funzionali

Tags: Agricoltura, Consorzi Di Bonifica, Salvatore Barbagallo



Strutture troppo costose, dipendenti sistemati in maniera selvaggia, poca produttività. Parte da queste criticità il piano di rilancio studiato dal governo regionale che proprio sui Consorzi di Bonifica si sta concentrando per arrivare ad una soluzione che comunque non è semplicissima perché siamo in presenza di un apparato abbastanza ampio.

Il Commissario dei Consorzi di Bonifica, Salvatore Barbagallo, garantisce che il governo siciliano sta lavorando proprio in questa direzione: “Si sta studiano un piano di riorganizzazione che serva a rilanciare queste strutture”. Però c’è chi, come la Flai Cgil di Palermo, denuncia che ancora oggi sarebbero in atto delle assunzioni incontrollate a scapito invece degli stagionali, come sta succedendo al Consorzio di Bonifica di Palermo. Punto questo categoricamente smentito: “Le assunzioni posso garantire che sono state bloccate – precisa Barbagallo – per cui posso assicurare che è tutto sotto controllo. Gli stagionali chiedono di entrare? Non è contemplato dalla legge per quegli enti che sono stati sciolti. C’è stato il trasferimento degli impianti e non del personale”.
Il riferimento in particolare è agli ex dipendenti della Cooperativa irrigua Jato, oggi per l’appunto divenuti stagionali al servizio del Consorzio di Bonifica, che sono in stato di agitazione e chiedono l’assunzione. “Da quando c’è questa nuova amministrazione – aggiunge il Commissario dei Consorzi di Bonifica – si sta cambiando corso. E’ in atto la predisposizione di una proposta di legge che tenderà ad organizzare i Consorzi sulla base delle esigenze funzionali che prevede anche una redistribuzione del personale che non sempre è commisurato alle esigenze delle varie strutture. Questo è uno dei punti prioritari”.

Articolo pubblicato il 31 dicembre 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Consorzi di bonifica, sprechi e debiti -
    Agricoltura. Carrozzoni clientelari al servizio della politica.
    Inutili. Sono undici in tutta l’Isola: dovrebbero gestire impianti e distribuzione dell’acqua delle dighe ma spesso restano delle inutili scatole vuote a vantaggio esclusivo dei dipendenti.
    A secco. Nel 2009 due intere aree della Provincia di Palermo, Polizzi Generosa e San Giuseppe Jato, non hanno ricevuto una sola goccia d’acqua per i loro 8.000 ettari di terreno coltivato.
    (31 dicembre 2010)
  • Consorzi, conti in rosso e storiche inadempienze -
    Da 15 anni calpestata la L.r. 45/95 che doveva riorganizzare le strutture. La Cia ha stimato in 65 mln il debito accumulato negli anni
    (31 dicembre 2010)
  • La Regione: Assunzioni bloccate e riorganizzazione -
    Salvatore Barbagallo ammette che c’è un’anomalia nelle piante organiche. Un disegno di legge per far fronte a esigenze più funzionali
    (31 dicembre 2010)


comments powered by Disqus