Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Il match tra Verona e Messina e la strenua difesa di Buzzanca
di Francesco Torre

Palermo spende 70 mln € in più di Genova. Siracusa spende meno: ma gli investimenti? Il sindaco si trincera dietro ai numeri, ma alla fine i conti non tornano



Palermo - “Il nostro Comune ha circa 2.300 dipendenti. A Verona, invece, sono più o meno 600. Per questo loro possono spendere di più in investimenti”. Così parlò Giuseppe Buzzanca, sindaco di Messina, replicando ad una nostra precedente inchiesta che metteva in ginocchio il modello comunale peloritano in relazione a quello scaligero. Dove abbia preso certe informazioni il sindaco e deputato regionale Buzzanca, però, rimane un mistero. Chiunque abbia un pc e una connessione ad internet, infatti, può collegarsi al sito internet del Comune di Verona e visualizzare tutti i dati dell’amministrazione, compresi quelli che riguardano i dipendenti. E così prendere atto che nella città di Romeo e Giulietta le donne e gli uomini stipendiati dal Comune non sono “più o meno 600”, bensì 2.464, e che l’ente spende in risorse umane la bellezza di 97,7 mln di euro, ovvero oltre 21 in più di quanto spende Messina. E in tutto ciò, riesce ad investire in infrastrutture e opere pubbliche più del doppio di quanto faccia il Comune peloritano, e con minori trasferimenti da parte di Stato e Regione.

Una magia? No, semplicemente competenza e, aggiungiamo noi, trasparenza, ciò che manca a Palazzo Zanca.
Quello tra Messina e Verona, però, non è l’unico confronto impietoso tra i nostri Comuni e le “Gemelle del Nord”. Basti pensare, ad esempio, che il Comune di Palermo (656.667 abitanti) nel 2009 ha speso per i propri dipendenti 323,7 mln di euro, ben 70 mln in più di quanto abbia fatto Genova (608.998 residenti). O che il Comune di Caltanissetta (60.192 abitanti) abbia bisogno per garantire servizi ai cittadini di 559 dipendenti, ovvero 201 in più di quanti siano gli stipendiati del Comune di Legnano, che di residenti ne fa solo 2.000 in meno.

Esistono al contrario esempi virtuosi? Sulla carta sì. Il Comune di Siracusa (123.448 abitanti), per esempio, ha in organico 691 dipendenti per i quali ha speso nel 2009 23,7 mln di euro. L’omologo Comune di Monza (121.872 residenti), di stipendi ne paga invece 1.086, per un totale di spesa annuale di 36,8 mln di euro. Ma poi si dovrebbero anche andare a vedere i servizi erogati...

Articolo pubblicato il 05 gennaio 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Capoluoghi: questione personale -
    Enti locali. Quando gli sprechi soffocano i conti.
    Efficienza lontana. Nel settore delle risorse umane si va avanti senza una strategia volta a migliorare la qualità dei servizi, restando impreparati rispetto alle sfide del futuro.
    Quantità e qualità. Rispetto all’anno precedente, si spendono 5 mln € in meno, ma il numero dei dipendenti è aumentato, mortificando di fatto il lavoro qualificato.
    (05 gennaio 2011)
  • Il match tra Verona e Messina e la strenua difesa di Buzzanca -
    Palermo spende 70 mln € in più di Genova. Siracusa spende meno: ma gli investimenti? Il sindaco si trincera dietro ai numeri, ma alla fine i conti non tornano
    (05 gennaio 2011)


comments powered by Disqus

´╗┐