Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Nomisma: i gas di scarico causano centinaia di morti
di Rosario Battiato

Mancano i sistemi di difesa, i dati sull’inquinamento nascosti ai cittadini. “Ogni anno 124 decessi a Messina e 110 a Catania”

Tags: Traffico, Pm10, Put



PALERMO – Catania, Messina, Palermo, Siracusa. Quattro tappe nella Sicilia di oggi alle prese con tutti i drammi delle grandi capitali europee, ma senza gli adeguati sistemi di difesa. Eppure la rivoluzione sostenibile dell’Europa dovrà partire proprio dai centri urbani.

Nel dicembre scorso è stato formulato un “Patto Territoriale delle Regioni e delle Autorità Locali nell’ambito della Strategia Europa 2020” a cura del Comitato delle Regioni, che crede nella possibilità di elevare al 30 per cento l’obiettivo di riduzione delle emissioni di gas. Il documento consegnato al governo, e sottoscritto da Agenda 21, Aiccre (Sezione italiana del Consiglio dei Comuni e delle Regioni d’Europa), Alleanza per il clima, Associazione nazionale comuni italiani (Anci), Associazione nazionale dei Comuni Virtuosi, l’Istituto Nazionale di Urbanistica, Kyoto Club e l’Unione Province Italiane (Upi), ribadisce la necessità di arrivare a un patto efficace sul clima. La responsabilità degli enti locali è di grande rilevanza in questi casi perché l’80 per cento delle emissioni di gas serra di origine antropica sono prodotte nei centri urbani.

In Sicilia però, per controbilanciare questo inno alla sostenibilità, fioccano gli allarmi. A Messina, nel dicembre scorso, c’è stato l’appello di Daniele Ialacqua, coordinatore provinciale di Sinistra e Libertà, che in un documento ha scritto come “da tempo ormai non si ha notizia dei dati sulla qualità dell’aria nella nostra città e soprattutto non è ben chiaro chi, dove e come, sta effettuando i monitoraggi previsti dalla normativa a tutela della salute dei cittadini e dell’ambiente”. Un esempio che vale come uno spaccato di quella realtà siciliana dove la sensibilità su questi temi è ancora lontana.
Eppure i siciliani pagano il loro pesante tributo: secondo un indagine Nomisma del giugno 2010 le presunte morti da eccessivo inquinamento dell’aria sono annualmente 124 a Messina e 110 a Catania.

Articolo pubblicato il 11 gennaio 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Il traffico uccide più della mafia -
    Ambiente. La mancata politica nella mobilità in Sicilia.
    Perenni ritardi. Non si registrano migliorie nel sistema di mobilità delle grandi città siciliane. Anzi, i ritardi nella redazione ed applicazione peggiorano la qualità della vita dei cittadini.
    Inquinamento. Anche nel 2010 i giorni di sforamento per i valori di PM10 sono stati spesso superiori al massimo di 35 consentito dalla legge. La Regione siciliana non è ancora riuscita a redigere il Piano dell’aria.
    (11 gennaio 2011)
  • Nomisma: i gas di scarico causano centinaia di morti -
    Mancano i sistemi di difesa, i dati sull’inquinamento nascosti ai cittadini. “Ogni anno 124 decessi a Messina e 110 a Catania”
    (11 gennaio 2011)
  • Ferrovia, Regione fantasma. Zero in investimenti -
    Il trasporto sui binari (elettrici) risparmia grandi quantità di emissioni. Manca il contratto di servizio, invocato da più parti
    (11 gennaio 2011)


comments powered by Disqus