Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Cari sindaci, la pacchia è finita
di Antonio Borzì

Finanze locali. La svolta normativa e gli effetti nell’Isola.
Questioni di merito. Ogni amministrazione dovrà contare sulle proprie forze, attuando politiche economiche per incrementare le entrate tributarie e tagliare le spese superflue.
Indicatori nazionali. Per l’assegnazione dei fondi da parte del Governo si terrà conto dei “fabbisogni standard” per uniformare le spese degli enti locali su tutto il territorio italiano.

Tags: Federalismo



PALERMO - Tempi duri per i sindaci siciliani, che non potranno più amministrare “alla giornata”, ma dovranno eliminare sprechi e clientelismi se vorranno garantirsi congrue risorse in cassa. Con la prossima attuazione del federalismo fiscale, infatti, i Comuni dovranno tagliare le spese superflue e recuperare il più possibile dalla riscossione dei tributi.
Allo stato attuale, infatti, da una simulazione degli effetti del federalismo, città come Palermo vedrebbero un calo dei trasferimenti del 55%, Catania del 43%, Messina addirittura del 59%. Una “scure” che cancellerebbe anni di gestione allegra. I Comuni siciliani, insomma, sono chiamati a camminare sulle loro gambe, iniziando quel percorso indispensabile per diventare finalmente virtuosi, secondo criteri che dovranno essere rispettati su tutto il territorio nazionale. (continua)

Articolo pubblicato il 18 gennaio 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus