Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Ars: si prevede scontro sulla legge elettorale
di Raffaella Pessina

Da Leontini (capogruppo Pdl) il prossimo mese la sfiducia a Massimo Russo. Ping pong di Ignazio Marinese che lascia Fli e torna al Pdl

Tags: Ars, Anna Finocchiaro, Massimo Russo, Innocenzo Leontini, Ignazio Marinese, Fli, Pdl, Giuseppe Lupo



PALERMO - Oggi riprendono i lavori all’Assemblea Regionale e i partiti si stanno preparando allo scontro sulla legge elettorale.
Intanto, le diverse anime del Partito Democratico si sono date appuntamento domenica scorsa a Catania per cercare di trovare un punto comune, con scarsi risultati. Era presente lo stato maggiore del partito ad eccezione della senatrice Anna Finocchiaro.
Il segretario regionale Giuseppe Lupo nel suo intervento ha dichiarato di aver lavorato in questi mesi per far entrare in crisi il Pdl e ha ribadito la necessità di appoggiare questo governo tecnico “perché è costituito da gente capace come Giosuè Marino, Massimo Russo e Caterina Chinnici, che ovviamente dovranno dimostrare di saper lavorare bene. Il Pd darà le pagelle agli assessori e a Lombardo per vedere se avranno operato correttamente”.

Lupo si è dichiarato soddisfatto perchè “sono state intraprese riforme di centrosinistra, come il credito d’imposta per l’occupazione e le zone franche urbane”, ma chiede al contempo al governo regionale di “ritirare il bando per gli stagisti” e di “emanare bandi per le famiglie e contro la dispersione scolastica”.
Enzo Bianco, che fa parte della fronda dei dissidenti , ha lamentato la mancanza di interventi di chi si trovava politicamente su posizioni diverse rispetto a quelle della dirigenza.

Dovrebbe arrivare questo pomeriggio in commissione Lavoro all’Ars un ddl bipartisan – firmato dal segretario regionale del Pd Giuseppe Lupo (Pd), Nino D’Asero (Pdl), Riccardo Savona (Mpa) e Michele Galvagno (Pd) – che trasforma le norme sui contributi alle imprese che assumono nuovo personale in credito d’imposta per l’occupazione. Il provvedimento consentirà alle imprese di detrarre dalle imposte la quota di contributo per l’assunzione di personale, rendendo automatica l’agevolazione e semplificando l’iter che al momento prevede l’invio della domanda all’Agenzia per l’Impiego. L’articolo 4 dispone che “ai datori di lavoro è concesso, per gli anni 2010, 2011 e 2012, un credito di imposta d’importo pari a 333 euro per ciascun lavoratore assunto e per ciascun mese”. In caso di lavoratrici donne “rientranti nella definizione di lavoratore svantaggiato” la cifra sale a “416 euro per ciascuna lavoratrice e per ciascun mese”.

Per le assunzioni di dipendenti con contratto di lavoro a tempo parziale il credito di imposta spetta in misura proporzionale alle ore prestate rispetto a quelle del contratto nazionale.
Chiederà invece il prossimo mese la sfiducia per l’assessore Massimo Russo il capogruppo all’Ars del Pdl Innocenzo Leontini che si è scagliato contro la dirigenza dell’Asp di Ragusa per la gestione fallimentare da un anno e mezzo a questa parte . Infine ancora un cambio di partito o meglio un ritorno all’ovile da parte di un deputato regionale. Si tratta di Ignazio Marinese, zio di Dore Misuraca. Torna nel Pdl lasciando i finiani che così scendono a quattro componenti. Secondo il regolamento interno, il gruppo parlamentare, per continuare ad esistere deve essere composto da almeno 5 deputati. A questo punto c’è da chiedersi che fine faranno gli altri quattro, e se dovranno transitare nel gruppo misto.

Articolo pubblicato il 25 gennaio 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐