Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Pronto soccorso da 172,7 milioni di euro. 13,5 milioni in più rispetto al 2009
di Giovanna Naccari

I costi del Servizio emergenza-urgenza nel Piano operativo 2010-12 dell’assessorato regionale Salute. Si punta a potenziare il personale a bordo dei mezzi di soccorso avanzati

Tags: Sanità, 118, Corte Dei Conti



Palermo - Dieci milioni di euro in più rispetto al 2009. Tanto spenderà la Regione siciliana per il personale impiegato nel servizio di emergenza-urgenza 118. Uscite previste quest’anno e nel 2012.

A far salire l’asticella, comunque, saranno le professionalità che saliranno a bordo dei mezzi di soccorso cosiddetti avanzati (msa). Ambulanze con i medici che entro la fine dell’anno diventeranno 79, dislocate su tutto il territorio contro i 52 mezzi che viaggiavano nei primi mesi del 2010. Una cifra raggiunta considerando un mezzo ogni 60 mila abitanti, dato di riferimento degli standard regionali. 

I costi del servizio 118 sono documentati sulla Gurs pubblicata venerdì scorso (n. 5/11) all’interno del piano operativo 2010-2012. Il decreto firmato dall’assessore alla Salute, Massimo Russo, prosegue la linea tracciata dal piano di rientro dei costi 2007-2009 sottoscritto dalla Regione con i ministeri della Salute e dell’Economia.

Complessivamente le ambulanze di soccorso avanzato (medicalizzate) e di base (172, msb) saranno 251, cinque in meno dello scorso anno. Ma c’è da dire che negli anni 2005-2006 i mezzi di soccorso avanzato e di base complessivamente da 158 erano saliti a 256 con una delibera del precedente governo che aveva fatto lievitare anche il numero degli autisti soccorritori con un “ingiustificato” aumento dei costi rilevato dalla Corte dei Conti.

Il personale in esubero, secondo la nuova organizzazione e gestione del trasporto terrestre del servizio 118 da parte della Seus scpa, società partecipata dalla Regione e dalle aziende ospedaliere e universitarie, oggi ammonta a 400 unità. A loro è rivolto un corso di riqualificazione per operatore socio sanitario che terminerà a giugno. Ottenuto il titolo, il personale potrà partecipare alla selezione pubblica per l’inserimento in organico delle aziende sanitarie “nella considerazione  - si legge nel documento - dell’estrema carenza di tale figura nelle piante organiche regionali”. Se per le ambulanze il costo sale, risulta invece stabile la voce per le unità delle centrali operative (circa 4 milioni di euro fino al 2012), mentre diminuisce la voce per il personale sanitario dell’elisoccorso. Da 2 milioni di euro scende a 1.931 milioni con un costo convenzione per 5 elicotteri di circa 18 milioni di euro.

Complessivamente i costi del 118 (acquisti di servizi di trasporto sanitario e personale) quest’anno saranno pari a 172,7 milioni di euro. Erano 159,2 milioni nel 2009. Nel 2008 erano stati spesi complessivamente circa 184 milioni, 13 in più della Lombardia che però aveva effettuato il doppio degli interventi della Sicilia (691.434 contro 304.292 nell’isola).

Articolo pubblicato il 02 febbraio 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus