Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Catania, dati allarmanti città “salvata” dal Governo
di Guido Luciani

Si prova a cambiare marcia: un’operazione difficilissima

Tags: Comuni, Imprese, Sprechi



CATANIA - La città più vicina al dissesto naviga ancora in cattivissime acque. Nonostante i 140 milioni recentemente erogati dal Governo per evitare il fallimento del Comune di Catania, non sono di certo serviti a ripianare il maxi-buco quantificato, probabilmente per difetto, a 358 milioni di euro. I dati sono ancora particolarmente allarmanti così come le inchieste giudiziarie che pendono sulle Amministrazioni e la gestione di aziende collegate all’ente locale catanese.

In una relazione effettuata da esperti il Comune di Catania viene considerato insolvibile, con i conti non in ordine e non in grado di essere valutato, quindi prossimo al default. In evidenza, secondo gli Ispettori del ministero dell’Economia nella loro relazione, può affermarsi che la causa principale del maxi-buco è da ricercare “nella mancanza della normale prudenza del buon padre di famiglia nella gestione degli anni passati, per cui si è cercato in tutti i modi possibili (entrate iscritte per un importo maggiore di quanto poi riscosso, spese sottostimate o addirittura non contabilizzate, avanzi determinati pur in presenza di residui attivi con scarsa probabilità di riscossione, ecc.) di far fronte a sempre maggiori esigenze e alle conseguenti spese pur in assenza di reale copertura finanziaria”.

Adesso il Comune sta provando a cambiare marcia ma l’operazione sembra profondamente difficile. Tra aziende che pretendono crediti e una situazione politica complicata e disordinata.

Articolo pubblicato il 27 marzo 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • I Comuni uccidono le imprese - Gli sprechi. Le finanze disastrate degli enti locali siciliani.
    Appello allo Stato. Catania ottiene 140 mln € di fondi Fas per ripianare i disavanzi di bilancio. A Palermo sono arrivati 80 mln € per poter pagare i debiti della municipalizzata Amia Spa.
    Conseguenze. Chi fornisce servizi ai Comuni resta a bocca asciutta e non viene pagato anche per anni: è un trauma non indifferente per il sistema produttivo e del lavoro. (27 marzo 2009)
  • Miloro: “Così si arriverà al dissesto” - (27 marzo 2009)
  • A Palermo la stretta sulle aziende partecipate - Un richiamo arrivato comunque dopo anni di conti in rosso (27 marzo 2009)
  • Catania, dati allarmanti città “salvata” dal Governo - Si prova a cambiare marcia: un’operazione difficilissima (27 marzo 2009)


comments powered by Disqus