Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Agrigento - Strade provinciali: interventi fondamentali per la sicurezza
di Carmelo Lazzaro Danzuso

La situazione infrastrutturale è sempre stata uno dei principali punti deboli del territorio. La Provincia mette in cantiere lavori per una somma vicina ai 15 mln €

Tags: Agrigento, Strade, Sicurezza



AGRIGENTO – Uno dei talloni d’Achille del territorio è sempre stato quello della dotazione infrastrutturale. I collegamenti con il resto della Sicilia sono spesso rappresentati da strade vecchie e troppo spesso pericolose. Per non parlare delle numerose incompiute pensate – ma solo pensate – per far decollare quel settore turistico, per tutta la provincia, potrebbe rappresentare la leva di un’attesa, annunciata, ma mai concretizzatasi rinascita economica.

In questo contesto, si inserisce il Piano di interventi per il miglioramento delle strade provinciali presentato pochi giorni fa dal presidente della Provincia regionale Eugenio D’Orsi. Interventi per quasi 15 milioni di euro recuperati dai fondi ex Ponte e dai fondi Por. L’importo complessivo degli interventi, che saranno aggiudicati in questi giorni ammontano a 8 milioni 634 mila 943,32 euro.

Tre i punti fondamentali su cui si poggia il Piano: anzitutto, i lavori di manutenzione straordinaria e messa in sicurezza, per il miglioramento della rete viaria secondaria e una maggiore accessibilità alle aree interne della dorsale Cattolica-Ribera-Calamonaci-Lucca Sicula-Burgio-Caltabellotta-Sciacca. L’intervento più corposo per un costo complessivo di 3 milioni 584 mila 943,32 euro. Per la dorsale Stazione Valledolmo-Cammarata-Santo Stefano Quisquina, invece, l’Ente Provincia ha stimato una spesa complessiva di 2 milioni 900 mila euro. Infine, i lavori di manutenzione straordinaria per l’eliminazione delle condizioni di pericolo della rete viaria secondaria sulla viabilità orientale (sulle Sp 64 Agrigento-Palma di Montechiaro, Spc 52 in territorio di Ravanusa, la 53 anch’essa in territorio di Ravanusa, il collegamento tra la Sp 6 e la Sp 9 tra Ravanusa e Campobello di Licata, anche la Sp 11 in territorio di Licata, la Sp 13 in territorio di Racalmuto-Favara, la 14 in territorio di Favara, la Sp 5 in territorio di Camastra-Licata , Sp 80 Agrigento-Favara, Sp 15 in territorio di Favara-Racalmuto-Grotte-Castrofilippo, Spc 46 in territorio di Canicattì, Spc 50 in territorio di Naro, Spc 51 in territorio di Ravanusa, Soc 62 a di Palma di Montechiaro). Per questi interventi è previsto un importo complessivo di 2 milioni 150 mila euro.
Atri interventi, per circa 6 milioni di euro, secondo fonti provinciali saranno presto appaltati con i fondi Por.
 

 
Eugenio D’Orsi: “Le risposte che i cittadini si attendono”
 
AGRIGENTO - Soddisfatta l’amministrazione provinciale, come si evince dalla parole del presidente della Provincia regionale agrigentina, Eugenio D’Orsi. “Con la realizzazione di queste opere – le parole del vertice dell’amministrazione - miglioreremo la viabilità provinciale rendendola più sicura e più moderna. Si tratta di interventi necessari per dare quelle risposte che i cittadini si attendono dalla mia amministrazione”.
Ma i progetti in cantiere per il territorio non si limitano alle strade, e sono state messe sul tavolo due anticipazioni interessanti su due infrastrutture che la provincia attende da molto tempo.
“Il Sottosegretario alle Infrastrutture Giuseppe Reina – ha proseguito D’Orsi - mi ha assicurato l’inserimento dell’aeroporto Valle dei Templi nel piano dei trasporti nazionale. Infine, con il Ministro del Turismo maltese, presto ospite ad Agrigento, si getteranno le basi per uno stabile collegamento merci-passeggeri con l’Isola dei Cavalieri”. (cld)

Articolo pubblicato il 26 giugno 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐