Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Catania - Allagamenti a S. Maria Goretti, i privati “salvano” il Comune
di Melania Tanteri

Dopo decenni una risposta per i residenti della zona. Ma l’amministrazione ha ricevuto un grosso aiuto. Un investimento da un milione di euro sull’alveo del canale Bummacaro

Tags: Catania, Nunzio Russo, Raffaele Stancanelli



CATANIA - Dopo decenni di disagi, sono stati sistemati i canali all’interno del  quartiere di Santa Maria Goretti, nella zona sud di Catania. Ieri mattina, infatti, il sindaco di Catania, Raffaele Stancanelli, insieme ai tecnici comunali, al presidente della decima municipalità, Nunzio Russo e al presidente di Icom Spa, Carlo Ignazio Fantola, la ditta privata che ha realizzato gli interventi, ha presentato alla città l’opera di sistemazione dell’alveo del canale Bummacaro, che consentirà di risolvere l’annoso problema dell’allagamento della zona.

La realizzazione del vicino Centro commerciale, di cui Icom è proprietaria, è stata l’occasione per intervenire sul territorio circostante, dove la mancata capacità di smaltimento del canale, nel passato, ha causato gravi fenomeni di esondazione. I lavori hanno interessato il fondale del canale e gli argini, che sono stati innalzati, regimentati e consolidati, a partire dalla via Gelso Bianco sino alla rotonda di incrocio tra la via S. Giuseppe La Rena e S. Maria Goretti, per una lunghezza complessiva di 1.900 metri circa, in modo da rendere la sezione idraulicamente sufficiente a contenere le acque.

“L’opera, nata da una concreta collaborazione tra pubblico e privato – ha spiegato il sindaco Stancanelli - rappresenta un intervento fondamentale per la riqualificazione della città e in particolar modo del quartiere terminale ma strategico del territorio etneo”.

“Grazie alla riqualificazione dell’assetto idrogeologico – ha aggiunto il primo cittadino -  sarà infatti possibile recuperare la funzionalità di una periferia che rappresenta l’ingresso della città per il flusso di cittadini e turisti provenienti dall’aeroporto e dai principali assi autostradali”.

L’opera, dell’importo di circa un milione di euro, è stata richiesta dalla Direzione Urbanistica del Comune di Catania, che ha chiesto alla Icom Spa di occuparsi delle opere di sistemazione idraulica del canale Bummacaro,  scomputandoli dagli oneri di urbanizzazione relativi al Centro commerciale.

Sulla scorta degli studi effettuati dall’Ufficio tecnico del Comune di Catania circa la portata di carico del canale, è stato elaborato un progetto che ha previsto la risagomatura della sezione di deflusso con dimensioni e caratteristiche tali da garantire le portate di piena statisticamente valutabili in un arco di tempo di cinquant’anni.
Contestualmente alla realizzazione dell’opera, inoltre, sono state sgomberate e ripulite le sezioni interrate sotto lo svincolo a più livelli dell’Asse dei Servizi.

Articolo pubblicato il 12 febbraio 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus