Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Opere idriche, niente si muove
di Rosario Battiato

Opere. Lo stato delle necessità appare sempre fermo.
Lo stallo. Passano gli anni e i mesi, ma non si registrano sostanziali novità sul fronte delle infrastrutture idriche e di depurazione. Soffrono i servizi ai cittadini, incombe la sanzione europea.
Soldi buttati. Restano aperti i casi delle dighe mai completate, a fronte di una spesa di centinaia di miliardi delle vecchie lire. L’Ente acquedotti (Eas), in liquidazione dal 2004, è sempre lì.

Tags: Giulio Tremonti, Eas, Acqua, Rete Idrica, Stefania Prestigiacomo, Giosué Marino, Pier Carmelo Russo



PALERMO – I ministri Tremonti e Prestigiacomo hanno rilanciato il tema delle infrastrutture nel Sud del Paese, perché colmare il divario tra aree a differenti velocità può essere un modo per rilanciare l’economia dell’intero Paese.
Una ovvietà, di cui finalmente anche due ministri della Repubblica si sono resi conto, che però fa i conti con un dilemma che da decenni affligge il sistema di gestione dei fondi in Sicilia: la difficoltà di spendere in sintonia con la necessità di ottenere i risultati.
Sulle infrastrutture idriche dell’Isola sono piovuti svariati miliardi di lire, prima, e di euro, poi, con risultati che ancora oggi non possono essere considerati soddisfacenti. Tra i responsabili la classe politica dirigente siciliana e la criminalità organizzata. (continua)

Articolo pubblicato il 19 febbraio 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus