Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

La conflittualità politica non aiuta l’economia
di Desirée Miranda

Forum con Vincenzo Santoro, Prefetto di Catania

Tags: Vincenzo Santoro



Sono sbarcati molti immigrati sulle coste italiane di recente, qual è la situazione?
“Stiamo procedendo ad un piano proprio da quando hanno iniziato a verificarsi questi sbarchi ingenti di tunisini a Lampedusa a seguito dei movimenti interni che si stanno verificando in Tunisia. Sono circa 6 mila i tunisini sbarcati e hanno creato da subito preoccupazione perché, secondo conferme del presidente del Consiglio Berlusconi, il governo tunisino ha rilasciato 11 mila prigionieri autori di reati lievi e non conosciamo il numero di coloro che, autori di reati più gravi, sono scappati. Non sappiamo, quindi chi sono questi che sono arrivati sulle nostre coste”.

Sono arrivati soprattutto uomini.
“Sì, per la maggior parte sono uomini giovani dai 20 ai 35 anni, un target ben definito: giovani di speranza in cerca di un lavoro, in cerca di un futuro. Poche le donne e i bambini”.

Cosa si intende fare adesso? Finiranno nel residence “Paradiso degli aranci” a Mineo?
“Il ministro dell’Interno Maroni ha opportunamente nominato Commissario straordinario per l’emergenza il Prefetto Caruso di Palermo. Il residence Paradiso degli aranci è stato suggerito dalla Protezione Civile regionale durante l’ultima riunione e, con il ministro Maroni, l’idea ricognitiva è quella di creare un villaggio della solidarietà su base volontaria e gratuitamente. Mettere dei nuclei familiari che hanno lo status di rifugiato politico. È una situazione confortevole dove c’è tutto, anche se il rischio è che qui c’è poco lavoro è possono diventare preda della criminalità locale o disperdersi nelle campagne per lavorare in nero”.

Sulla questione degli immigrati c’è stata una polemica con l’Unione europea, perché?
“Si, i toni sono stati più o meno sfumati, ma noi sosteniamo che l’Unione europea non ci ha dato l’assistenza necessaria, dall’altra parte l’Europa dice che è pronta a darci degli aiuti. C’è stata già una prima stima del ministero dell’Interno di circa 100 milioni di euro documentati. Anche i colleghi delle altre Prefetture della Sicilia hanno individuato dei siti, non escludo che il sito di Mineo possa essere usato in un secondo tempo”.

Ma hanno la volontà di rimanere da noi?
“In realtà la maggior parte vuole andare in Francia, sia perché hanno parenti che li aspettano sia perché parlano francese e quindi comunicare gli risulterebbe di certo più facile”.

Tornando a Catania, quali sono i problemi che rimangono e quali quelli risolti nella nostra città?
“Credo che il freno più grosso per la città è questa contrapposizione politica disperata. Quando ero Questore mi ricordo una grande armonia tra Comune, Provincia e Regione pur governate da correnti politiche differenti. Inoltre, questa contrapposizione è cangiante per cui non da certezza e soprattutto si pone il territorio in una situazione d’attesa in cui nessuno si muove. Tale situazione non aiuta l’economia del paese già in forte difficoltà, tanto che investimenti e imprese saltano da un giorno all’altro e i nostri giovani non hanno prospettive per il futuro. Anche il governo centrale non fa più concorsi e non investe neanche nei corpi militari. Tra le positività devo dire che il Comune di Catania sta facendo un grande sforzo dal punto di vista economico di risanare la situazione, anche se anche li ci sono problemi di instabilità. Gli investimenti degli industriali, inoltre, in Sicilia sono davvero pochi”.

Si potrebbe fare qualcosa con le opere pubbliche, già finanziate, ed invece è tutto bloccato.
“Il problema è che sono finanziate solo sulla carta. Nessuno ti da i soldi subito ma a tranche e con questa instabilità che c’è il rischio che le tranche successive non vengano finanziate e così i lavori si bloccano. La Salerno-Reggio Calabria ne è un emblema. Vuoi per i ritardi politici vuoi per quelli economici, dopo 20 anni ancora non è completa”.
 

 
Ikea e operai ex Cesame al centro dell’attenzione. In Prefettura ormai tutto è informatizzato
 
In merito alla Prefettura di Catania, qual è lo stato dell’informatizzazione?
“Siamo in una situazione abbastanza positiva. Molti procedimenti istruttori sono informatizzati parzialmente o interamente, inoltre, tutti i dirigenti hanno la firma digitale e la Pec, posta elettronica certificata e tutti gli uffici della Prefettura sono collegati in rete”.

Per quanto riguarda il personale? È carente?
“Il personale è sufficiente anche se è sempre meno. Stiamo facendo fatica per far sentire tutti i dipendenti, ormai oltre i 40 anni, parte integrante della struttura e non solo dipendenti che fanno il loro lavoro sterile e basta, soprattutto in un momento in cui i compiti della Prefettura sono in continua evoluzione ed ormai è diventata il centro motore della Provincia. Inoltre riceviamo stagisti dell’Università e qualche esubero della Regione”.

Quali sono stati i fatti più rilevanti dell’anno?
“Almeno due ci hanno fortemente coinvolto. Il primo è l’aver accompagnato l’Ikea nel suo inserimento nel territorio. Ci sono stati problemi di viabilità, di permessi, ma finalmente pare che l’8 marzo venga inaugurato. L’altro problema, non ancora risolto e che ci sta molto a cuore è relativo agli ex lavoratori Cesame. Nel 2009 abbiamo fatto, con il ministero delle Attività produttive, una cooperativa, ma non tutti hanno voluto farne parte. Qualcuno sarà assunto dall’Ikea, ma altri rimarranno fuori e non abbiamo ancora trovato una soluzione”.
 


Curriculum
 
Vincenzo Santoro, nato nel 1946, trapanese di nascita, ha frequentato il 1° corso dell’Accademia del corpo delle Guardie di pubblica sicurezza. Ha prestato servizio in vari reparti e questure con la qualifica di ufficiale. È stato dirigente dell’Ispettorato generale della Polizia di Stato presso il Viminale e Questore nelle città di Pistoia, Trieste e Catania. Ha inoltre ricoperto incarichi dirigenziali al dipartimento della Pubblica sicurezza. Dal 2003 al 2006 ha ricoperto l’incarico di Prefetto a Caltanissetta, dal 2006 al 2009 è Prefetto di La Spezia e dal 2009 ad oggi è Prefetto di Catania.

Articolo pubblicato il 22 febbraio 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Vincenzo Santoro, Prefetto di Catania
Vincenzo Santoro, Prefetto di Catania