Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Accordo di programma per Termini imerese
Conclusi i lavori delle commissioni parlamentari II e III (Bilancio e Attività Produttive) dell’Assemblea. Si attende una valutazione dal Governo nazionale anche dell’ottava proposta di Di Risio

Tags: Fiat, Termini Imerese, Marco Venturi



PALERMO - “Intendo esprimere il mio ringraziamento e vivo apprezzamento ai parlamentari delle commissioni Bilancio e Attività Produttive che oggi, riunendosi in seduta comune, hanno espresso parere favorevole all’Accordo di Programma per Termini Imerese, siglato tra il Ministero dello Sviluppo Economico e la Regione Siciliana, nei giorni scorsi a Roma”. Lo ha dichiarato l’assessore regionale alle Attività Produttive, Marco Venturi, immediatamente dopo la conclusione dei lavori delle commissioni parlamentari II e III (Bilancio e Attività Produttive) dell’Ars.

“Si tratta di un accordo di portata storica per la Sicilia - afferma Venturi - perchè, a fronte dell’addio di Fiat, registriamo la presenza di sette proposte da parte di imprese che intendono insediarsi in Sicilia, per un investimento complessivo di circa 1 miliardo di euro, 350 milioni dei quali saranno coperti da risorse della Regione e 100 dello Stato. Ora è importante che il ministero acceleri al massimo le procedure - ha aggiunto Venturi - affinchè al più presto si possano creare le condizioni per l’insediamento delle nuove imprese nell’area di Termini Imerese. Inoltre credo che sia opportuno che il Ministero valuti anche l’ottava proposta giunta da parte del costruttore di automobili Di Risio, perchè nessuna opportunità deve essere tralasciata”.

Venturi ha dunque concluso ribadendo “apprezzamento per il lavoro svolto dalle due commissioni, oggi riunite in seduta comune, rivolgendo un ringraziamento ai presidenti Savona e Caputo e all’intero Parlamento regionale per la fattiva e costruttiva collaborazione”.

Articolo pubblicato il 25 febbraio 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus