Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Palermo - Non è una città per disabili
di Andrea Uzzo

Molti luoghi di interesse storico e artistico sono off-limits. Scivoli talvolta usati come parcheggi. Anche i posti auto sono un problema. Una “guida” con tutte le criticità

Tags: Palermo, Disabili



PALERMO – Villa Niscemi per le persone con difficoltà motorie o su sedia a rotelle è accessibile solo al pianterreno. Peraltro, nella sede di rappresentanza del Comune passeggiare per il giardino è arduo – anche per un non disabile – in quanto fra buche e dislivelli “il terreno è spesso irregolare”. Va un po’ meglio a Villa Trabia, sede di una delle biblioteche comunali: il terreno presenta delle difficoltà, ma all’interno i disabili riescono ad accedere. È tutto scritto nero su bianco nella “Guida al turismo accessibile della città di Palermo”, curata da Igor Gelarda e Claudia Bardi, insieme all’Associazione Palermo aperta a tutti, con il sostegno dell’assessorato comunale alle Politiche giovanili.

“Molti luoghi di interesse storico-artistico sono inaccessibili. Ad esempio, in corso Vittorio Emanuele sui marciapiedi mancano gli scivoli per disabili; scivoli che, dove presenti, spesso vengono utilizzati dai palermitani come parcheggio” dice Gelarda. Sotto accusa anche alberghi e bed & breakfast. Per Gelarda e Bardi “sono ben pochi gli accessibili”. “Palermo è in gran parte una città inaccessibile ai disabili! Vuole un esempio? Si faccia una passeggiata all’interno del quadrilatero tra via XX settembre, via XII Gennaio, via Parisi e Via Garzilli, a pochi passi dalla centralissima via Libertà. Troverà marciapiedi dissestati, in buona parte occupati da gazebo di bar e ristoranti, e tra via XX Settembre e via Parisi un gradino alto venti centimetri. Mi dica come può in questo contesto muoversi un disabile, o anche una mamma con un bambino in carrozzina?”

Gaetano Cuccia, docente di Composizione architettonica e urbana alla Facoltà di Architettura dell’Università di Palermo, bolla di “indifferenza” sia le istituzioni che i cittadini. E anche, paradosso dei paradossi, gli stessi disabili: “Essendo disabile ho diritto a un posto auto riservato sotto casa, ma spesso non posso parcheggiarvi perché è occupato da auto che esibiscono il pass auto che dà diritto a un parcheggio generico. È assurdo, noi disabili non dobbiamo per rivendicare un nostro diritto, abolire il diritto di altri disabili”.

Cuccia tira le orecchie anche ai suoi colleghi progettisti: “Quando si progetta la costruzione di un immobile non si pensa quasi mai alle nostre esigenze”. Inoltre, conclude “in molti palazzi i condomini rifiutano persino di mettere una semplice pedana”.
 


Adeguamenti. Palazzo delle Aquile promosso
 
PALERMO – Fra le categorie di disabili quelli che se la passano peggio sono sordi e ciechi: “È molto difficile, al di la di qualche mostra, trovare ausili per loro” dice Bardi. Fra i monumenti, sfogliando la guida, tra quelli meno accessibili ci sono soprattutto le chiese; tra i più accessibili è promosso a pieni voti Palazzo delle Aquile (anche se per Cuccia le piattaforme per disabili, di cui è provvista la sede dove si tengono le sedute del consiglio comunale, “sono discriminanti”). “Il Comune si sta adeguando alla nuova normativa. È un processo in itinere, tanto è stato fatto, ma tanto resta ancora da fare – sottolinea l’assessore comunale alle Attività sociali, Raoul Russo –. La Guida è sicuramente uno stimolo per gli enti pubblici e privati, a mettere i disabili in condizione di accedere ai tesori della nostra città”. Passa l’esame pure Palazzo Steri, sede del Rettorato. “Abbiamo cercato di adeguare gli accessi per disabili e le nostre strutture sono tutte accessibili, a parte qualche raro caso di edifici centenari – dice il rettore Lagalla –. Inoltre, disponiamo di un programma di assistenza per gli studenti disabili”.

Articolo pubblicato il 05 marzo 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Sosta selvaggia in via Garzilli (au)
Sosta selvaggia in via Garzilli (au)
Il marciapiede di via XX Settembre angolo Via Parisi (au)
Il marciapiede di via XX Settembre angolo Via Parisi (au)