Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twittergoogle qds rss qds
Quotidiano di Sicilia

L’esperto dell’Enea: serve solo la volontà politica
di Marina Pupella

Moreno: vantaggi indubbi, soprattutto per il minore inquinamento. “Occorre sempre spingere per la raccolta differenziata”

Tags: Angelo Moreno, Rifiuti



PALERMO - Smaltire i rifiuti solidi urbani in modo pulito, con un impatto ambientale pressochè nullo, producendo ecoenergia. Dopo le oltre 100 installazioni in tutto il mondo e quelle realizzate in Europa, Germania, Islanda, Croazia, fino a Peccioli in provincia di Pisa, la strada per sostituire gli inceneritori anche qui in Sicilia potrebbe essere aperta da una tecnica del futuro: la dissociazione molecolare.
A spiegarne il funzionamento e le caratteristiche di flessibilità e semplicità di gestione è Angelo Moreno, ricercatore dell’Enea della Casaccia esperto di idrogeno e celle a combustibile, che rappresentano la fase finale del sistema dissociatore molecolare.

Crede che anche in Sicilia si possano realizzare impianti del genere?
“Sicuramente sì. Ma deve esserci dietro una volontà politica per poter sviluppare un impianto che si adatti alle esigenze territoriali e alla tipologia di rifiuti che si intende trattare, nel rispetto delle normative di impatto ambientale e di salvaguardia della salute dei cittadini”.

Qual è la tipologia di rifiuti che può essere smaltita?
“Prima di arrivare al termovalorizzatore, al dissociatore molecolare e a qualsiasi tecnologia di valorizzazione energetica, bisogna spingere le amministrazioni locali ad adottare una politica seria di raccolta differenziata. Detto ciò, con la nuova tecnologia c'è la possibilità di trattare la frazione umida insieme con la frazione secca del rifiuto, con performance che possono toccare punte del 90% di produzione di gas e 10% di residuo inerte in discarica, contro circa il 50% dei termo-valorizzatori. In questo modo si consente la minimizzazione dell'impatto ambientale, un minor numero e minore uso delle discariche, che è tra i primi obiettivi ambientali nella gestione rifiuti in Italia”.

Articolo pubblicato il 30 giugno 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Smaltimento rifiuti, è rivoluzione -
    Rifiuti. La politica legata allo smaltimento.
    L’opinione. L’assessore regionale al Territorio e Ambiente, Giuseppe Sorbello sostiene che “quattro termovalorizzatori sono troppi in Sicilia e che l’idea dei dissociatori è da sviluppare”.
    I costi. La spesa per la realizzazione di un impianto a dissociatore molecolare è di circa 400 mila euro contro il miliardo previsto per un termovalorizzatore.
    (30 giugno 2009)
  • L’intervista. L’assessore sostiene la proposta dei dissociatori - (30 giugno 2009)
  • Inceneritori, il conto finale sarà salatissimo -
    Raciti (Arra): il dissociatore ha costi enormi e tecnologia sperimentale. Fatture per 238 milioni, oggi svelato chi li costruirà
    (30 giugno 2009)
  • L’esperto dell’Enea: serve solo la volontà politica -
    Moreno: vantaggi indubbi, soprattutto per il minore inquinamento. “Occorre sempre spingere per la raccolta differenziata”
    (30 giugno 2009)


comments powered by Disqus
Angelo Moreno (mp)
Angelo Moreno (mp)