Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twittergoogle qds rss qds
Quotidiano di Sicilia

Piccoli ricicloni, grandi zozzoni
di Rosario Battiato

Ambiente. Il punto sul riciclo dei rifiuti in Sicilia.
Risultati positivi. L’annuale rapporto Comuni Ricicloni mette in luce le performance di alcuni piccoli centri siciliani, spesso al di sotto dei 5 mila abitanti, capaci di differenziare oltre il 60% dei rifiuti prodotti.
Risultati negativi. Le positività sono poche rispetto ad una media che non raggiunge il 10%. Colpa, soprattutto, delle tre grandi aree metropolitane: Palermo, Catania e Messina non superano il 5%

Tags: Raccolta Differenziata, Rifiuti



PALERMO - Le grandi città siciliane imparino dalle più piccole. Sembra questo il messaggio che scaturisce dalla lettura dell’ultimo ‘Rapporto dei Comuni ricicloni 2011’. Infatti in 21 centri, per lo più sotto i 5 mila abitanti, riescono a differenziare oltre il 30% dei rifiuti prodotti. In tre, addirittura, sono al pari cone le zone più virtuose del Paese, differenziando oltre il 60%. La cittadina da citare è in provincia di Agrigento: Villafranca Sicula riesce a mandare il 73,62% nei centri di riciclo.
Non si schiodano, invece, dalle basse percentuali Palermo, Catania e Messina, che oscillano tra i miseri 3 e 5%. La conseguenza? In media, la Sicilia non raggiunge il 10% di raccolta differenziata. Sarà dura, così, raggiungere gli obiettivi del nuovo Piano regionale dei rifiuti. (continua)

Articolo pubblicato il 25 marzo 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐