Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Operatori socio-sanitari: 2600 da formare
di Pierangelo Bonanno

Sulla Gurs n.14/11 la convenzione tra l'assessorato Salute e l'assessorato Istruzione e formazione professionale. Si attende il bando cui potranno partecipare gli enti di cui all'albo del decreto n.75/2011

Tags: Salute, Gazzetta Ufficiale, Operatore Socio-sanitario



PALERMO - Nella Gazzetta ufficiale della Regione Siciliana n. 14/11 dello scorso 1 aprile, è stata pubblicata la convenzione tra l’assessorato della Salute e l’assessorato dell’Istruzione e della formazione professionale per la realizzazione di iniziative volte ad organizzare attività di formazione in ambito sanitario. In particolare, il decreto del 3 marzo 2011 è stato sottoscritto dai dirigenti generali del dipartimento regionale per le Attività sanitarie ed osservatorio epidemiologico, Lucia Borsellino, e del dipartimento regionale dell’istruzione e della formazione professionale, Ludovico Albert. Nel decreto n. 1328 del 24 maggio 2010 sono stati definiti i requisiti necessari per l’accreditamento degli enti di formazione idonei allo svolgimento dei corsi per la figura professione di operatore socio-sanitario nella Regione siciliana; ed, inoltre, con il decreto n. 3162 del 24 dicembre 2010 è stato, tra l’altro, istituito l’albo unico regionale degli enti pubblici e privati, accreditati a svolgere attività di formazione per il rilascio dell’attestato, valido su tutto il territorio nazionale, della qualifica di operatore sociosanitario (Oss).
 
Con il decreto del 3 marzo scorso si dà esecuzione ed attuazione alla Convenzione stipulata in data 9 febbraio 2011 tra l’assessorato della Salute e l’assessorato dell’Istruzione e della formazione professionale al fine di regolamentare le rispettive competenze nello svolgimento dei corsi di formazione per operatore socio-sanitario. È opportuno evidenziare che l’assessorato della Salute ha già provveduto ad effettuare una ricognizione del fabbisogno della figura della professione di Oss in ambito provinciale, come si evince dal box presente nella pagina. In attuazione della suddetta convenzione l’assessorato dell’Istruzione e della formazione professionale, con successivo provvedimento, procederà all’emanazione del bando rivolto agli enti, il cui albo è stato approvato con decreto n. 75 del 25 gennaio 2011, per l’avvio dei corsi di formazione per operatore socio-sanitario.
 
L’attività di formazione relativa alla figura dell’operatore socio-sanitario verrà svolta esclusivamente dai soggetti accreditati sulla base del fabbisogno determinato dalla Regione Siciliana, con oneri a carico dell’assessorato dell’Istruzione e della formazione professionale. Il decreto precisa che sino a nuova determinazione del fabbisogno regionale è fatto espresso divieto agli enti di attivare corsi di formazione per operatore socio-sanitario al di fuori di quelli previsti e finanziati nell’ambito della Convenzione approvata nel decreto.
 
Nella convenzione si precisa che il percorso formativo ha una durata complessiva di 1.000 ore ripartite in 450 ore di formazione teorica, 100 ore di esercitazioni e 450 di tirocinio. Le attività di stage e di tirocinio, che si svolgeranno presso le strutture delle aziende sanitarie e ospedaliere delle provincie sedi di svolgimento dei corsi, saranno opportunamente regolate da appositi accordi bilaterali tra l’organismo formativo e l’ente ospitante. Per l’accesso ai corsi di formazione dell’Oss è richiesto: il diploma di scuola dell’obbligo secondo le vigenti disposizioni legislative e successive modificazioni relative all’elevamento dell’obbligo di istruzione; il compimento del 17° anno di età alla data di iscrizione al corso; se cittadino extracomunitario essere in regola con il permesso di soggiorno e con i documenti relativi al titolo di studio.
 

Articolo pubblicato il 06 aprile 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus