Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Grave il probabile rinvio del D.Lgs sulla tutela penale dellÂ’ambiente
di Giuseppe Solarino

Le associazioni del Triangolo della morte temono che la direttiva europea non venga recepita in tempo. “Così le industrie che hanno rovinato il territorio continueranno a farla franca”

Tags: Giacinto Franco, AugustAmbiente, Triangolo Della Morte, Priolo, Decontaminazione Sicilia, Augusta, Melilli



AUGUSTA (SR) - Nei prossimi giorni dovrà essere emanato il decreto legislativo sulla tutela penale dell’ambiente che recepisce la Legge Comunitaria 2009. Le associazioni AugustAmbiente e Decontaminazione Sicilia, temono un rinvio dell’emanazione di detto decreto che equivarrebbe ad una perdonabile decadenza dello stesso, con gravi ripercussioni specie nel polo industriale siracusano.

Giacinto Franco, di AugustAmbiente ha dichiarato: “Le nostre associazioni ritengono di vitale importanza che questa occasione di vera democrazia, non venga sprecata. Quello che è in gioco è il miglioramento della qualità ambientale di un territorio che da oltre cinquanta anni è stato massacrato da uno sviluppo senza alcun controllo e che può realizzarsi, a nostro avviso, ricorrendo ad interventi sanzionatori anche di carattere penale, e non attuando provvedimenti premianti come gli accordi transattivi proposti dalla ministra Prestigiacomo. Accordi transattivi con le industrie, fra cui quelle siciliane di Priolo e Gela, per cancellare in un sol colpo tutti i gravi disastri ambientali da esse causati. Tratterebbesi di un colossale condono tombale/ambientale a favore di quanti hanno consapevolmente ignorato di fatto la violazione di numerosissimi diritti tra cui quello alla salute, alla vita, ad un ambiente sano e ad uno standard di vita accettabile.
 
Tali accordi infatti equivarrebbero ad un saldo del tipo di fine stagione: Inquini 10 paghi 1”. “Finalmente in Italia il contrasto al crimine ambientale non si farà più con armi spuntate”, come ha dichiarato il senatore Francesco Ferrante, che si interessa delle politiche relative ai cambiamenti climatici, intervenuto al workshop I delitti contro l’ambiente e la salute organizzato dall’ISDE Italia (International Society of Doctors for the Environment, Associazione Medici per l’Ambiente). “In Italia – aggiunge Ferrante - i responsabili dei reati ambientali sono soggetti solo a sanzioni pecuniarie. Nel nostro Paese i reati contro l’ambiente sono sostanzialmente crimini senza castigo, sebbene il numero delle violazioni in materia di tutela ambientale, salute e sicurezza dei lavoratori e dei cittadini, è pari a circa uno ogni 43 minuti. Non emanare il decreto legislativo entro il 10 aprile vorrebbe dire fare un regalo enorme all’ecomafia e agli inquinatori senza scrupoli, un vero e proprio colpo di spugna che annullerebbe i principali processi per crimini ambientali in Italia”. “La preoccupazione sull’eventuale non emanazione del suddetto decreto - sostiene Giacinto Franco - scaturisce dalla conoscenza dei gravi danni all’ambiente ed alla salute certificati dai numerosi studi epidemiologici che ne attestano il rapporto di causa-effetto, oltrochè dei rischi cui sono esposti lavoratori e cittadini residenti nell’area industriale. I nostri dubbi sull’emanazione del decreto, da parte della Prestigiacomo, scaturiscono dagli ultimi e decisivi orientamenti della ministra, non condivisi dai cittadini del siracusano, in tema di protezione della salute (CDR, da impiegare quale co-combustibile nei cementifici, operazione che produce molto più inquinamento rispetto agli inceneritori) e di prevenzione dei rischi (costruzione di rigassificatore, ignorando le giuste prescrizioni dell’Assessorato regionale all’Energia ed il parere negativo dell’Assessorato regionale all’Ambiente per la coesistenza, nel sito prescelto, del triplice rischio: sismico, bellico ed industriale”.

Articolo pubblicato il 12 aprile 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus