Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

90.000 fuoricorso mangiarisorse
di Liliana Rosano

UNIVERSITA'. Sicilia: 168.000 studenti. Quasi 1 su 2 non in regola.
PALERMO A SCADENZA. A dichiarare battaglia ai fuoricorso è stato l’ateneo di Pa, che ha stabilito che gli studenti del vecchio ordinamento dovranno completare il proprio corso di studi entro il 2014.
MESSINA E CATANIA. L’università di Messina tratterà l’argomento nelle prossime sedute del Senato accademico, quella di Catania sperimenta soluzioni per venire incontro agli studenti in difficoltà.

Tags: Università, Roberto Lagalla, Francesco Tomasello, Antonino Recca



 
Non più una risorsa ma un vero e proprio ostacolo alla qualità della didattica universitaria. È l’esercito dei fuoricorso, che popola le università italiane e siciliane. Studenti non in regola con gli esami che pesano sull’economia generale dell’università, soprattutto in tempi come questi, in cui la riforma Gelmini distribuisce i fondi (già ampiamente decurtati), tenendo conto di fattori come produttività, numero di iscritti e laureati in corso.
A “dichiarare battaglia” ai fuoricorso è stato, con atto coraggioso, l’ateneo di Palermo, con il senato accademico che ha varato nei giorni scorsi una stretta sugli irregolari, stabilendo che gli studenti appartenenti alla vecchia riforma dovranno completare il corso entro il 2014, mentre gli iscritti ai nuovi corsi di laurea non possono continuare oltre il quarto anno fuori corso. (continua)
 

Articolo pubblicato il 12 aprile 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus


´╗┐