Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

CT-RG: lettera di Lombardo a Berlusconi e interrogazione di Lo Monte (Mpa)
Il capogruppo Mpa alla Camera, Lo Monte, evidenzia che i ritardi sono inspiegabili come per l’aeroporto di Comiso. Il governatore ha chiarito che non si frappongono ostacoli e che è di fondamentale importanza

Tags: Autostrada, Anas, Pietro Ciucci, Raffaele Lombardo, Pier Carmelo Russo, Catania, Ragusa, Carmelo Lo Monte



PALERMO - “Confermo che non solo la Regione siciliana non frappone alcun ostacolo alla realizzazione dell’autostrada Catania-Ragusa, ma considera quest’ultima una scelta peculiare. Si conferma, altresi’, che la partecipazione finanziaria dell’amministrazione regionale alla realizzazione dell’autostrada Catania-Ragusa si svolgera’ nei termini di cui alla delibera Cipe del 22/10/2010, e successive modifiche e integrazioni, e a valere sulle fonti finanziarie ivi indicate”.
Questo il testo della lettera che porta la firma del presidente della Regione siciliana, Raffaele Lombardo, e che martedì sera è stata inviata al presidente del Consiglio dei ministri, Silvio Berlusconi.

La missiva è stata recapitata anche ai ministri Tremonti e Matteoli e al presidente dell’Anas Ciucci, ai quali il governatore aveva già scritto il 6 aprile scorso per confermare “ogni disponibilita’ affinche’ l’importante arteria si realizzi”.
Con la lettera inviata ieri da Lombardo al premier, viene rispettato l’impegno assunto sabato scorso dall’assessore alle Infrastrutture e alla Mobilità, Pier Carmelo Russo, al termine della riunione che si era svolta in prefettura a Ragusa con il comitato ristretto che sta seguendo le procedure per la realizzazione dell’autostrada. Riunione alla quale avevano preso parte, tra gli altri, il prefetto Francesca Cannizzo e il presidente della Provincia Francesco Antoci.

Ieri alla Camera, i deputati del gruppo parlamentare del Movimento per le Autonomie hanno presentato, a prima firma del capogruppo Carmelo Lo Monte, un’interrogazione ai ministri dell’Economia e delle Infrastrutture e dei Trasporti sulla realizzazione appunto dell’autostrada Ragusa-Catania e sull’apertura dell’aeroporto di Comiso.

I parlamentari Mpa chiedono ai ministri Tremonti e Matteoli in quali tempi “intendono porre in essere tutti gli atti necessari affinché l’Anas possa espletare la gara per l’affidamento dei lavori di realizzazione dell’autostrada Ragusa Catania” e se il ministro dell’Economia “intende definire le procedure che dovrebbero portare all’apertura dell’aeroporto di Comiso, in particolare se ha intenzione di emettere lo specifico decreto di finanziamento che consentirebbe di dare un notevole impulso all’economia della zona”.

“La realizzazione dell’autostrada Ragusa Catania – dichiara Lo Monte – è di fondamentale importanza per dare slancio all’intero comprensorio, sia per gli aspetti legati all’agricoltura, per il rilancio dell’artigianato e del turismo, specie se si tiene conto che essa dovrebbe servire il nuovo aeroporto comisano”.

“Sebbene la Regione Sicilia – sottolinea l’esponente Mpa – abbia confermato il cofinanziamento per la quota parte pubblica, non frapponendo alcun ostacolo ed assicurando ogni disponibilità, non si riescono ad individuare le motivazioni ostative intervenute sulla base delle quali l’Anas ha rallentato le procedure di espletamento della gara per la realizzazione dell’autostrada; e non si comprendono le incertezze da parte del ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti e dell’Anas a procedere alla realizzazione dell’opera, dal momento che il Governo nazionale ha comunicato la possibilità di utilizzare, per la parte di competenza regionale, i Fas 2007-2013, nella misura di 200 milioni di euro”.

“I ritardi per la Ragusa Catania – conclude Lo Monte – fanno il paio con quelli per l’avvio delle attività dell’aeroporto di Comiso, un’altra infrastruttura importantissima per lo sviluppo del territorio ibleo e della Sicilia in generale, che ha già suscitato l’interesse di  compagnie aeree low cost, come già avvenuto in passato per Trapani – Birgi (un milione e ottocento mila passeggeri in soli tre anni) e che attende da tempo il decreto di stanziamento del ministro dell’Economia, per un importo di quasi 5 milioni di euro”.

Articolo pubblicato il 14 aprile 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐