Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Palermo - Amg: costose missioni cinesi e consulenze per 800 mila €
di Luca Insalaco

L’accusa è arrivata dal capogruppo del Pd in Consiglio, Faraone. La replica dei vertici societari. Dopo l’Amia, anche la municipalizzata del gas finisce nell’occhio del ciclone

Tags: Palermo, Amg



PALERMO – Neanche il tempo di riprendersi dallo scandalo viaggi dorati in quel di Dubai, targato Amia, e a Palazzo d’Aquile esplode un nuovo caso legato alle società partecipate.
È l’Amg ad essere stavolta al centro delle polemiche per la gestione aziendale degli ultimi anni e gli incarichi di consulenza, finiti sotto la lente di ingrandimento del gruppo consiliare del Pd. In un’interrogazione al sindaco, il capogruppo democratico, Davide Faraone, ha sollevato il caso della voce di bilancio relativa a “un fantomatico progetto Cina” e chiede “per quale motivo, nonostante l’esplicita direttiva del Consiglio comunale in merito al taglio delle consulenze, si siano spesi 549.447 euro per ‘consulenze tecniche’ e 207.000 euro per ‘consulenze legali’”.
 
Faraone manifesta poi “profondi timori” sul capitale sociale dell’Amg: “15 milioni di euro che potrebbero essere dirottati e utilizzati per la spesa corrente invece che per nuovi investimenti”.
“Già a fine 2008 – osserva - 5.099.743 euro sono stati stornati dal fondo delle riserve in favore del Comune. E anche in relazione al bilancio di quest’anno l’assemblea dei soci, nella seduta del 26 marzo 2009, ha deliberato di stornare altri 5 milioni 400 mila euro”.

I dubbi del consigliere d’opposizione investono poi l’intero bilancio 2008 dell’ex municipalizzata e il mancato rispetto dei 30 giorni necessari per le verifiche del Comune, prima dell’approvazione del bilancio.
“Spulciando fra i conti dell’Amg – prosegue Faraone - risaltano nuovi sprechi: per colpa del ritardo col quale il Comune ha trasferito i fondi all’azienda, ad esempio, sono cresciute le spese per interessi bancari che passano da 838.389 a 1.312.564: in tutto 474.175 euro in più rispetto all’anno precedente”.

Quindi il capitolo consulenze: “Dall’elenco dei consulenti scelti dall’Amg – afferma - spiccano i nomi di Maria Sole Vizzini (figlia di Carlo, senatore del Pdl, ndr), che ha avuto 24.960 euro, e quello del capo di gabinetto del sindaco Sergio Pollicita, con 20 mila euro”.
“Ho capito che c’era qualcosa di strano – conclude l’esponente del Pd - quando mi sono trovato di fronte un bilancio di una ex municipalizzata che formalmente chiude con un attivo di 144.961 euro. Mi sarei aspettato una pioggia di comunicati stampa da parte dell’amministrazione comunale per congratulazioni e festeggiamenti, invece c’è stato il più profondo silenzio. Evidentemente si preferiva fare passare la cosa in sordina”.
 

 
Francesco Greco. “Società sana al servizio della città”
 
PALERMO - Il presidente di Amg Energia spa, Francesco Greco, ha incontrato ieri mattina il capogruppo del Pd al Comune di Palermo, Davide Faraone, proprio per discutere delle questioni sollevate sulla gestione della municipalizzata.
“Ho ribadito – ha sottolineato Greco che Amg Energia è una società sana al servizio della città - una società che è costantemente impegnata a migliorare qualità ed efficienza. Operiamo nel pieno rispetto della legge e la trasparenza negli atti è una delle nostre priorità”.
Faraone, come sostiene la nota diffusa da Amg, si sarebbe detto soddisfatto dei dati e dei chiarimenti ricevuti, auspicando che: “In futuro, la trasparenza dimostrata da Amg possa costituire un comportamento diffuso. In questa ottica ho chiesto al presidente, ricevendo ampie rassicurazioni, che tutti gli atti importanti della società, dalle delibere del Cda ai dati di bilancio, vengano pubblicati sul sito internet”.

Articolo pubblicato il 02 luglio 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus