Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Regione: trasparenza, bugie e illusioni
di Lucia Russo

Parole, parole. Semplificare, innovare... ma quando veramente?
Ufficio di Bruxelles. Nella legge regionale n. 5/2011 ritorna un ufficio che la legge di riforma dell’amministrazione regionale (lr n. 19/08) aveva soppresso. Questo è semplificare?
“Chi sbaglia paga”. Non sono previste sanzioni per i dirigenti che non applicano le disposizioni, bisogna aspettare un apposito decreto dell’assessore alla Funzione pubblica.

Tags: Trasparenza, Regione Siciliana



La digitalizzazione, la semplificazione e l’innovazione della Pa regionale sono obiettivi del Governo regionale. Questo lo slogan della legge sulla trasparenza entrata in vigore lo scorso 26 aprile. Solo che noi cittadini ci sentiamo un pò confusi: ma di digitalizzazione, semplificazione e innovazione non si parla già da sei anni? Non erano gli obiettivi da raggiungere grazie alle due spa regionali? La legge regionale n. 5/2011 ci è stata presentata come una grande novità, in realtà tutto era già previsto e lo stesso presidente della Regione il 6 marzo 2009 nella direttiva agli assessori esortava l’applicazione del Codice dell’amministrazione digitale. A leggere quest’ultima legge poi si scopre che molte norme, prima di entrare in vigore, hanno bisogno dei decreti attuativi, e per alcuni non è nemmeno indicata la data entro cui devono essere emanati. (continua)

Articolo pubblicato il 07 maggio 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus