Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Legame col territorio il segreto del successo
di Giulia Cosentino

Forum con Enza Bruno, presidente Consiglio amministrazione della Bruno Spa

Tags: Enza Bruno



Quando e come nasce la vostra azienda?
“L’azienda nasce il 28 febbraio 1936 con l’apertura del primo punto vendita, nel pieno centro di Catania, quando mio padre Domenico Bruno e mia madre Palma Finocchiaro aprirono un negozio dedicato agli strumenti musicali, grammofoni, dischi e radio. Nel dopoguerra la vendita di apparecchi elettrici ed elettronici è cresciuta costantemente e con essa l'esperienza ed il fatturato dell'azienda. Ad oggi, la famiglia Bruno è alla terza generazione di imprenditori (cominciata di fatto nel 1993 quando entrarono in azienda spontaneamente, dopo aver completato gli studi, i vari figli) che ha fatto assumere all'azienda la denominazione “Bruno S.p.a.” e la nascita del primo punto vendita (dopo lo storico di via Luigi Rizzo) nel marzo 1996 a Enna. Il modo d'agire delè rimasto sempre costante: selezione accurata dei prodotti e vicinanza al cliente anche nel post vendita”.

Quanti sono oggi i punti vendita e com’è strutturata la vostra presenza sul territorio siciliano?
“Sono presenti 14 punti vendita sparsi nel territorio siciliano (15 con il neo Bruno interni dedicato all’arredamento e sito a Misterbianco). Dopo l’apertura di Enna sono seguite quelle di Modica, Misterbianco, Messina, Zagare, Castelvetrano, Caltanissetta, Ragusa, Castrofilippo, Palermo, Gravina, Milazzo e, ultimissima, l’apertura del punto vendita di Caltagirone”.

A quanto ammonta il numero dei vostri dipendenti?
“Circa 500 dipendenti, di cui più di 38 costituiscono, insieme ai soci, i manager dell’azienda che hanno contribuito a creare l’evoluzione della stessa in termini di immagine e qualità, comportando una nuova visione della struttura non soltanto più a conduzione familiare”.

Che ricetta potrebbe dare ad un giovane imprenditore che volesse intraprendere un’attività in Sicilia?
“Occorre innanzitutto essere attaccati alla propria terra. Impegno, professionalità, organizzazione e cura del cliente, elementi indispensabile su cui ruotano tutte le società. Un giovane che si impegna seriamente può raggiungere degli obiettivi a prescindere dall’essere in Sicilia o in altre regioni d’Italia, a patto che senta viva l’appartenenza e l’orgoglio verso il nostro territorio”.

Quando e come nasce lo sposalizio con il gruppo Euronics?
“Nel 1972, dall’idea di un siciliano, nasce il marchio Get Italia da un importante gruppo di aziende italiane del settore dell’elettronica di consumo. Nel 1999 si decide di trasformare la Get Italia in Euronics Italia, ovvero una società di capitali (S.p.a.) che ha per scopo la definizione della politica commerciale degli acquisti nei confronti dei fornitori e dei soci, l’erogazione di servizi a sostegno delle attività locali e la valorizzazione del marchio con campagne di comunicazione rivolte al consumatore. L’evolversi del mercato europeo nel 2000 favorisce, inoltre, la nascita di Euronics International, coprendo il territorio con oltre 11.500 punti vendita con l’insegna Euronics. Oggi facciamo parte delle prime cinque aziende più importanti di Euronics Italia Spa e da 12 anni siamo entrati a far parte del Cda e che, come gruppo, ci vede attivi nei corsi di formazione rivolti sia ai nostri direttori commerciali dei vari punti vendita, del marketing, sia alla forza vendite, interagendo e rapportandoci continuamente con la sede centrale di Milano”.

Come giudica l’andamento del mercato in questi primi mesi del 2011?
 “In un scenario economico che risente ancora della crisi, facciamo delle promozioni importanti per adeguarci al mercato e soddisfare il cliente. Guardiamo al futuro con l’ottica dello sviluppo aziendale non solo a livello locale, ma come gruppo Euronics nella sua totalità che di per sé mira al rapporto immediato tra punto-vendita e cliente. La nostra mission è quella di individuare e soddisfare le esigenze del cliente attraverso un servizio efficiente e puntuale dando qualità ed affidabilità, al passo con i tempi”.
 

 
Fatturato da 180 milioni di euro. Attenzione ai conti ma non si rinuncia a investire

Quali gli obiettivi a lungo termine e le strategie da portare avanti?
“La nostra è come se fosse una macchina ben lubrificata da tenere sempre in moto: cerchiamo di individuare sempre nuove realtà che portino allo sviluppo aziendale e al raggiungimento di molteplici obiettivi”.

A quanto ammonta il fatturato dell’azienda?
“Il fatturato è di circa 180 milioni di euro più Iva. Come per molte altre realtà aziendali e non, quello attuale è di certo un periodo difficile sotto vari aspetti che ci porta ad essere ancora più attenti e selettivi con i rapporti con le banche, i fornitori, le altre aziende, tenendo conto di un’accurata selezione in ambito amministrativo, manageriale e nel marketing. Ciò nonostante guardiamo sempre al futuro con ottimismo, investendo sulla professionalità e sul personale giovane e altamente qualificato”.

Qual è l’elemento che contribuisce alla sua gratificazione nel lavoro?
“Vedere che la società va avanti e che i dipendenti, di cui la maggior parte giovani (l’età media in azienda è di 32 anni) si sposano e si creano la loro famiglia è per me motivo di grande orgoglio e soddisfazione. I collaboratori non rappresentano per me solo dei semplici dipendenti, delle cosiddette matricole associate al loro numero di busta paga, ma sono persone con una propria anima e un corpo che conosco individualmente e con cui mi rapporto quotidianamente come se facessimo tutti parte di una grande famiglia”.
 

 
Curriculum
 
Provvidenza Bruno nasce a Catania l’1 giugno 1938. I genitori sono stati i fondatori, nel 1936, della Bruno Spa, società oggi leader in Sicilia, con il marchio Euronics, per la distribuzione di elettronica di consumo (audio video, grandi e piccoli elettrodomestici, informatica, telefonia cellulare, home entertainment, fotografia digitale, climatizzazione). E’ madre  di tre figli: Maurizio, Enrico e Claudia. Dal 1999 al 2002 ha ricoperto la carica di membro del Consiglio di amministrazione di Euronics Italia. Dal 1983 è presidente del Consiglio di amministrazione della Bruno Spa.

Articolo pubblicato il 11 maggio 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Enza Bruno, presidente Consiglio amministrazione della Bruno Spa
Enza Bruno, presidente Consiglio amministrazione della Bruno Spa