Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

La nuova farmacia dei servizi, test ed esami effettuati in loco
di Francesca Pecorino

Si potrà controllare tra gli altri il livello di glicemia, colesterolo, pressione

Tags: Farmacia



CATANIA - Le farmacie oggi si apprestano a vivere una vera e propria rivoluzione ed a trasformarsi in “farmacie dei servizi”. Questo passaggio, previsto dal Decreto 16 dicembre 2010 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 57 del 10 marzo 2011 e dal Decreto 16 dicembre 2010 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 90 del 19 aprile 2011, consentirà alle farmacie di erogare prestazioni professionali che saranno a pagamento fino a quando non si sottoscriverà un accordo tra farmacisti, Servizio sanitario nazionale e Regioni, avente il quantum del ticket che sarà corrisposto dai pazienti.

Le prestazioni possono classificarsi in due gruppi e cioè le prestazioni analitiche di prima istanza e servizi di secondo livello erogabili con dispositivi strumentali.
In particolare, nel primo gruppo vanno compresi i test base - che potranno essere effettuati in farmacia -  per glicemia, colesterolo e trigliceridi, nonché test per l’emoglobina ed esami delle urine.
Inoltre, saranno effettuabili test di ovulazione, test di gravidanza, e test menopausa per la misura dei livelli dell’ormone FSA nelle urine ed il test per la rilevazione di sangue occulto nelle feci.
Questi esami potranno, quindi, essere effettuati con l’ausilio di un operatore sanitario presso le farmacie che forniranno questi servizi.

Nel secondo gruppo, rientrano i servizi erogabili attraverso l’uso di strumenti quali ad esempio:   
•    dispositivi per la misurazione della capacità polmonare tramite auto – spirometria;
•    dispositivi per la misurazione con modalità non invasiva della pressione arteriosa;
•    dispositivi per la misurazione con modalità non invasiva della saturazione percentuale dell’ossigeno;
•    dispositivi per il monitoraggio con modalità non invasive della pressione arteriosa e dell’attività cardiaca in collegamento funzionale con i centri di cardiologia accreditati dalle Regioni sulla base di specifici requisiti tecnici, professionali e strutturali;
•    dispositivi per consentire l’effettuazione di elettrocardiogrammi con modalità di tele cardiologia da effettuarsi in collegamento con centri di cardiologia accreditati dalle Regioni sulla base di specifici requisiti tecnici, professionali e strutturali.
Il tutto come da elenco contenuto sul sito del Ministero della salute. Inoltre, è bene sapere che tali prestazioni potranno essere fornite in appositi locali destinati esclusivamente all’effettuazione di tali esami, con l’indicazione precisa dei servizi offerti al pubblico. Più avanti parleremo anche delle prestazioni professionali erogabili da infermieri e fisioterapisti in farmacia o a domicilio.

Avv. Francesca Pecorino
collegio dei professionisti di Veroconsumo

Articolo pubblicato il 21 maggio 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus