Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Province: 5 milioni di euro ai consulenti
di Francesco Torre

Enti locali. Incarichi esterni senza trasparenza.
Il personale non basta. Anziché fare ricorso ai propri dipendenti sfruttando le professionalità interne, si fa affidamento a soggetti nominati direttamente dalle amministrazioni.
Statuto calpestato. Le Province regionali continuano a “violare la legge”. L’art. 15 dello Statuto siciliano prevede la costituzione dei Consorzi di Comuni con un netto risparmio sugli apparati.

Tags: Enti Locali, Trasparenza, Consulenze



PALERMO – Tra il 2009 e il 2010 sono stati 650 i consulenti chiamati dalle nove amministrazioni provinciali siciliane. Con una media di 6.558 euro a consulenza, il business arriva a sfiorare i cinque milioni di euro. Un esercito di avvocati, progettisti, collaudatori, professionisti – a volte - del nulla che passa sotto la denominazione di “esperti” o “consulenti esterni”. Una cifra enorme, sia in termini economici che sociali. Soldi che peraltro in qualche caso nemmeno c’erano nelle casse provinciali. Nient’altro che cambiali, dunque, quelle firmate dai presidenti, che prima o poi scadranno e che dovranno essere pagate a scapito di servizi pubblici.
Uno spreco ulteriore per le Province regionali, tra l’altro enti “incostituzionali” in quanto lo Statuto siciliano prevede, piuttosto, i Consorzi di Comuni, senza costosi apparati. (continua)

Articolo pubblicato il 25 maggio 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus


´╗┐