Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Laureati siciliani 2010 migliorano le performance rispetto al 2009
di Liliana Rosano

Il profilo è stato tracciato da Almalaurea per gli studenti degli atenei di Catania e Messina. Gli studenti catanesi completano il corso di studi a 27,7 anni in media

Tags: Laurea, Università, Studenti



PALERMO – Come cambiano i laureati siciliani ai tempi della riforma universitaria? Il profilo è stato tracciato da Almalaurea all’interno del XII Rapporto sul profilo dei laureati 2010. Due gli atenei siciliani, che appartengono al consorzio, coinvolti nell’indagine: Catania e Messina.

Per quanto riguarda l’ateneo etneo, sono state coinvolte 6.794 persone che hanno completato gli studi nel 2010: 3.734 laureati di primo livello e di 1.496 laureati nei percorsi specialistici biennali.
Le performance che emergono negli studi sembrano essere migliori rispetto ai laureati del 2009, soprattutto per quanto riguarda l’età alla laurea, la regolarità e le esperienze di stage.

Per capire gli effetti della riforma è possibile fare un confronto tra il complesso dei laureati di Catania del 2010 e i loro “fratelli maggiori” che hanno concluso gli studi in corsi pre-riforma nel 2004, anno significativo di riferimento. Dal confronto si conferma una figura di neodottore più regolare negli studi, con maggiori esperienze di stage.

L’età media alla laurea nel complesso dei laureati di Catania del 2010 è di 27,7 anni contro i 27,8 anni dei laureati pre-riforma usciti nel 2004 (e scende ulteriormente a 26,1 anni per i laureati di primo livello 2010).
I laureati dell’Università di Catania, nel loro complesso, vengono soprattutto da famiglie dove il titolo accademico entra per la prima volta in casa: il 72% ha entrambi i genitori non laureati. Nel passaggio dal vecchio al nuovo ordinamento, gli effetti positivi sulla regolarità negli studi sono evidenti: i laureati pre-riforma di Catania in corso nel 2004 erano appena il 7% contro il 23% del complesso dei laureati del 2010 (valore che lievita al 54% tra gli specialistici).

Con la riforma crescono notevolmente anche le esperienze di tirocinio e stage che coinvolgevano il 20,5% dei laureati di Catania del 2004 contro il 66% dei laureati 2010. La tendenza al proseguimento degli studi, già elevata prima dell’avvio della riforma (riguardava il 57% dei laureati pre-riforma di Catania del 2004), viene confermata: 68 laureati su cento di Catania intendono formarsi ulteriormente dopo aver conseguito il titolo. La percentuale si dilata in modo particolare, raggiungendo l’81%, fra i laureati di primo livello del 2010.

A Messina invece, i laureati 2010 coinvolti nel XIII Profilo dei laureati sono 4.630: 1.052 laureati di primo livello e di 2.815 laureati nei percorsi specialistici biennali con un’età media di completamento degli studi pari a 27,5 anni contro i 28,4 anni dei laureati pre-riforma usciti nel 2004. Anche in questo caso, i laureati beneficiano della didattica e del regolamento del nuovo ordinamento. Infatti, i laureati pre-riforma di Messina in corso nel 2004 erano appena il 3,5% contro il 36% del complesso dei laureati del 2010 (valore che lievita al 57% tra gli specialistici).

Con la riforma crescono notevolmente anche le esperienze di tirocinio e stage che coinvolgevano il 14% dei laureati di Messina del 2004 contro il 59% dei laureati 2010. La tendenza al proseguimento degli studi, viene confermata in misura maggiore: 71 laureati su cento di Messina intendono formarsi ulteriormente dopo aver conseguito il titolo. La percentuale anche qui cresce in modo particolare, raggiungendo il 79%, fra i laureati di primo livello del 2010.
 

 
Lauree specialistiche. Voti più alti: si arriva alla laurea con “109” in media
 
Performance particolarmente brillanti mostrano i laureati specialistici del 2010 di Catania e Messina. L’analisi condotta mette in evidenza che si tratta di giovani che hanno concluso i loro studi in corso nel 54% dei casi a Catania e nel 57 per cento a Messina. L’età media alla laurea nel complesso dei laureati specialistici di Catania del 2010 è di 29,3 anni e di 28,5 anni a Messina (la media nazionale è di 27,5 anni).
La votazione finale è prossima al massimo (in media 109,5 su 110 a Catania e 108,6 su 110 a Messina).
I laureati specialistici di Catania e Messina, rispetto ai laureati di primo livello, sono favoriti dall’ambiente familiare di provenienza che li vede uscire nel 29% dei casi da famiglie con almeno un genitore laureato nell’ateneo catanese e nel 31 per cento nell’ateneo peloritano.
Nell’esperienza formativa dei laureati specialistici si riscontrano indici particolarmente elevati di frequenza alle lezioni: 68 laureati a Catania (e 52 a Messina) su cento dichiarano di avere frequentato regolarmente più dei tre quarti degli insegnamenti previsti. Si riscontra, inoltre, una consistente esperienza di stage, che coinvolge complessivamente 46 laureati specialistici di Catania su cento e 48 a Messina.

Articolo pubblicato il 08 giugno 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐