Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Da settembre anche in Sicilia partiranno gli Its per i diplomati
di Michele Giuliano

La Regione ha aderito all’alta formazione tecnica di giovani per l’inserimento lavorativo. I corsi offerti saranno di pari dignità a quelli universitari e dureranno due anni

Tags: Formazione, Confindustria, Maria Stella Gelmini



PALERMO – Da settembre partiranno anche in Sicilia gli Its, gli Istituti Tecnici Superiori, che garantiranno ai giovani diplomati un’alta formazione tecnica, di istruzione pari alla preparazione universitaria. Gli istituti sono 58 in tutta Italia e alcuni di questi ricadranno proprio nell’Isola.

Viene offerta quindi una opportunità ai giovani del territorio, per combattere la disoccupazione e per tentare di garantire una vera alternativa in ambito lavorativo. I discenti che frequenteranno i corsi degli Its diverranno super-tecnici, con un titolo di studio riconosciuto per legge e valido in uno dei seguenti settori: efficienza energetica; mobilità sostenibile negli ambiti della logistica, del trasporto aereo marittimo e ferroviario; innovazione del made in Italy nel settore della meccanica, della moda, alimentare, casa e servizi alle imprese; beni e attività culturali; informazione e comunicazione.

I corsi formativi offerti saranno di pari dignità a quelli universitari e dureranno due anni per una formazione complessiva pari a 1.800/2.000 ore, composta in parte da didattica tradizionale, in parte da esperienze di laboratorio. Obbligatorie saranno poi 600 ore di tirocino da esplicarsi presso un’azienda, eventualmente anche fuori dai confini siciliani e italiani.

L’immissione nelle imprese è garantita sia dal punto di vista legislativo, sia dal punto di vista organizzativo. Infatti, dal punto di vista giuridico, gli Its sono fondazioni di partecipazione diretta di enti pubblici e privati. Ogni fondazione ha per l’avvio circa mezzo milione di euro di fondi pubblici e può essere rappresentata da scuole, università ed imprese. A questi fondi si aggiungono gli interventi privati, che essendo direttamente coinvolti non possono non voler trarre un beneficio da questo  investimento, acquisendo poi le risorse e il know-how tecnico assimilato da esse.

Dal punto di vista organizzativo, tutti i corsi svolti nell’Its saranno a numero chiuso, in modo da assicurare solo ai giovani valenti un posto di lavoro futuro. Alla realizzazione di questi 58 istituti hanno contribuito fino ad ora ben 16 regioni, tra cui per l’appunto la Sicilia, con il coinvolgimento di 110 istituti tecnici e professionali, 60 tra province e Comuni, 200 imprese, 67 atenei e centri di ricerca e 87 strutture di alta formazione.
Il tutto con un unico scopo: offrire ai giovani una formazione che rispecchi effettivamente le esigenze dell’industria italiana ed europea.

Il Ministro dell’Istruzione, Maria Stella Gelmini, si dichiara soddisfatta del progetto, che vede finalmente l’avvio, dopo circa 37 anni da cui si ricorda il primo tentativo di dotare l’istruzione di un sistema formativo avanzato in ambito tecnico: “Una risposta forte al tema della disoccupazione e per colmare il gap tra le richieste delle imprese che vogliono tecnici sempre più specializzati e i numeri che la scuola riesce a formare. Noi dobbiamo dare risposte.
Se da un lato vanno assecondate le inclinazioni dei giovani dall’altro dobbiamo fare opera di orientamento per restituire all’istruzione tecnica una reputazione che riconosca la sua reale importanza”.
 


Approfondimento. Confindustria appoggia l’iniziativa
 
In accordo con il Ministro, si dichiara anche Gianfelice Rocca, vicepresidente di Confindustria per l’Education, che sostiene: “Dopo il ’68 si fecero uscire i privati dai consigli d’amministrazione degli Istituti tecnici ma oggi si è finalmente capita l’importanza di uno stretto collegamento tra scuola e imprese. Imprese che non trovano sul mercato i tecnici di cui hanno bisogno. Confindustria ha messo in campo proposte concrete per valorizzare l’istruzione tecnica e rafforzare il legame scuola-imprese”. Accanto agli Its, l'azione del ministero sta puntando anche sull'apprendistato, stanziando 5 milioni di euro per realizzare progetti pilota utili all’assolvimento dell’obbligo di istruzione. Questi due interventi sono dunque le armi sfoderate dal Ministero contro la disoccupazione italiana e particolarmente quella siciliana (la più alta, ndr), che in ambito giovanile tocca soltanto nell’Isola quasi il 40 per cento, a cui si affianca una delle percentuali più alte in Europa per l’abbandono scolastico, che ha toccato il 19 per cento, come diffuso in questi giorni dall’istituto Istat. Che sia questa la nuova frontiera siciliana per combattere la disoccupazione?

Articolo pubblicato il 09 giugno 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐