Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Interventi di recupero nei centri storici. Presentate 946 richieste di finanziamento
Il bando dell’assessorato regionale alle Infrastrutture è stato pubblicato sulla Gurs del 1° aprile scorso. Da 16 mila a 300 mila euro sulla quota interessi per mutui con ammortamento ventennale

Tags: Pier Carmelo Russo, Centro Storico



PALERMO - Sono, ad oggi, 946 le domande pervenute allo sportello dell’assessorato regionale alle Infrastrutture e alla Mobilità per accedere al finanziamento della quota interessi su mutui con ammortamento ventennale, accesi per realizzare interventi di recupero nei centri storici.

La media delle richieste pervenute è per mutui da 80/100 mila euro, con un minimo di 16 mila euro fino a 300 mila euro, che è il tetto massimo finanziabile per ogni singola istanza. è ancora possibile presentare le domande, fino ad esaurimento delle risorse a disposizione, che per il solo pagamento della quota interessi, ammontano a 12 milioni e 500 mila euro. Secondo una prima stima dell’amministrazione, le istanze finora presentate potrebbero essere tutte soddisfatte, fermo restando il rispetto da parte del richiedente delle norme contenute nel bando.

A breve partiranno le prime lettere di ammissibilità al finanziamento. La banca Unicredit, unico istituto titolato alla concessione dei mutui, provvederà a verificare, tramite un proprio perito, la capacità di restituzione della quota capitale da parte del beneficiario.

In caso di esito positivo, l’amministrazione emanerà in tempi strettissimi il decreto di finanziamento. Gli interventi previsti dal bando vanno dal restau ro al risanamento conservativo, dal ripristino funzionale alla manutenzione straordinaria, fino all’adeguamento alle norme vigenti ed alle disposizioni antisismiche.

L’Avviso è stato pubblicato venerdì 1° aprile 2011 sulla GURS ed è consultabile sul sito internet del Dipartimento regionale delle Infrastrutture, della Mobilità e dei Trasporti.

Articolo pubblicato il 15 giugno 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐