Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Assicurare gli edifici condominiali, decisione spettante allÂ’assemblea
di Iole Gagliano

Sentenza della Cassazione: non può deciderlo solo l’amministratore

Tags: Condominio



CATANIA - Uno dei problemi da affrontare quando si costituisce un condominio è quello dell’opportunità di stipulare una polizza assicurativa, a copertura della responsabilità civile, per i danni provenienti dall’edificio condominiale.
Il contratto assicurativo potrà riguardare le sole cose ed impianti comuni od anche essere esteso ai fatti dannosi cagionati da parti di proprietà esclusiva. In quest’ultimo caso si parlerà della cosiddetta “polizza globale fabbricati”.
 
Senonchè, l’assicurazione degli edifici condominiali, anche se è consigliabile averla per evitare problemi che nei condomini sono sempre molto frequenti, non è prevista come obbligatoria dalla legge. Infatti, salvo che il regolamento condominiale non la preveda come tale, la legge non impone al condominio la stipula di un contratto d’assicurazione.

La competenza a decidere sulla conclusione di una polizza assicurativa spetta all’assemblea e non all’amministratore di condominio, che per poterla stipulare necessita di una  preventiva deliberazione assembleare.(Cass. civ. 6-07-2010, n. 15872).
Per la validità della deliberazione, non è richiesto il consenso di tutti i condomini, occorrendo soltanto – e ciò anche nel caso di assicurazione di durata superiore ad un anno - la maggioranza qualificata ai sensi dell’art. 1136,co.2° (voto favorevole della maggioranza degli intervenuti che rappresentino almeno la metà del valore dell’edificio, in prima convocazione) e co.4° cod. civ. (voto favorevole di un terzo dei partecipanti al condominio che rappresentino almeno un terzo del valore dell’edificio, in seconda convocazione) (Cass. civ. Sez. III, 06-07-2010, n.15872). Le spese della polizza assicurativa, salvo diversa convenzione, vanno ripartite tra tutti i condomini assicurati in modo proporzionale, in base al criterio delle quote millesimali di comproprietà (art. 1123,co.1 c.c.). Per quanto riguarda i rapporti tra proprietario e inquilino le spese per l’assicurazione, salvo diverso accordo tra le parti, sono - secondo l’interpretazione dell’art. 9 L. 392/78 - a carico del proprietario.

Avv. Iole Gagliano
Collegio dei professionisti di Veroconsumo

Articolo pubblicato il 22 giugno 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus