Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Scuola e disabilità a Catania e provincia, i tagli che fanno male all’integrazione
di Chiara Borzì

Indagine della Cisl Sicilia sulla provincia etnea: in cinque anni nella scuola primaria tagliati 380 insegnanti di sostegno. Per contro, il numero degli studenti diversamente abili è in aumento: ad oggi sono 20.000

Tags: Scuola, Insegnante Di Sostegno



CATANIA - La bozza della Manovra Tremonti, di cui si è parlato tanto in queste settimane, ha inflitto la sua scure anche alla scuola, imponendo il tetto massimo di un insegnante di sostegno ogni due studenti disabili.
A questo punto, una riflessione sul sistema scolastico siciliano, alla luce delle imminenti riforme e della “fotografia” scattata dall’Istat, è d’obbligo.

I dati elaborati al 19 gennaio 2011 ci dicono che nella scuola dell’obbligo, negli ultimi 20 anni, si è assistito a una crescita progressiva della presenza nelle scuole di alunni con disabilità ed in particolare, nell’ultimo decennio, il numero degli alunni diversamente abili è cresciuto del 45%, superando la soglia dei 200.000 alunni nell’anno scolastico 2009/2010.
Conferma queste stime il convegno romano del 13 giugno 2011 organizzato per illustrare il rapporto”Alunni con disabilità nelle scuole italiane: bilancio e proposte” elaborato dalla Fondazione Giovanni Agnelli, la Caritas Italiana e Fondazione Treelle.

Ed è guardando a questa crescita che le tre associazioni hanno promosso una riflessione e nuove proposte per rilanciare l’attuale rapporto tra scuola e disabilità in Italia. Lo studio, in realtà, non propone di tagliare i fondi ma di cambiare le regole. Si tratta di progetto molto ambizioso, con diverse proposte di indubbio interesse ma anche di notevole criticità. La Sicilia presenta un volto non particolarmente positivo in merito all’argomento.

La Regione destina alle esigenze della categoria 6,5% dei propri investimenti economici ma non brilla ,ad esempio, per il rispetto delle caratteristiche architettoniche quale la presenza di percorsi idonei interni ed esterni fruibili dagli studenti disabili.
Rilevante il passivo nella fascia d’istruzione primaria, minore il gap nella scuola secondaria di primo grado.
Buono invece il rapporto tra alunni con disabilità ed il numero di insegnanti di sostegno che utilizzano la tecnologia per la didattica speciale.

La recente riforma voluta dal ministro Mariastella Gelmini rende queste percentuali oscillanti.
I tagli voluti dal MIUR non hanno risparmiato questo delicato ambito dell’istruzione pubblica italiana, destando l’allarme di tutte le organizzazioni che si battono per la causa della piena integrazione.

Un campanello d’allarme è stato suonato anche dai sindacati scolastici, come mostra la lucida analisi fatta dalla Cisl Sicilia sezione Scuola di Catania, dove si denuncia chiaramente la controtendenza scaturita dopo la riforma ministeriale.
Nella provincia catanese la popolazione scolastica disabile ricopre il 2,3 % per un totale di 20.000 giovani diversamente abili.
In cinque anni, nella scuola primaria sono state cancellate 281 classi e tagliati 380 insegnati di sostegno, nonostante oggi vi sia un aumento degli alunni diversamente abili di 43 unità.

Secondo le stime prospettate per l’anno scolastico 2011/2012 nell’organico delle scuole catanesi ci saranno circa 2.025 studenti disabili su un totale di posti per insegnanti di sostegno di 780 unità.
In media, continua l’analisi della Cisl Scuola Catania, nascerà almeno una classe con 27 alunni e 3 disabili con immaginabili disagi di gestione da parte degli insegnanti e l’aumento dei costi indiretti.
Non mancano le isole felici come il Centro Universitario della disabilità di Palermo.

Qui i fondi provengono direttamente dal Miur, il ministero dell’Università e della Ricerca, e vengono gestiti da una Commissione di Ateneo Interfacoltà. Il rapporto stilato Ateneonline afferma che nel centro palermitano sono garantite attrezzature tecniche specifiche e sussidi didattici come i computer poratatili, i voltapagina, caschetti con la penna, oltre a delle borse di studio per loro.

Il centro è dotato inoltre di un’aula multimediale con 11 postazioni per studenti con qualsiasi tipo di disabilità, da quella visiva a quella motoria, passando per quella uditiva, e di una biblioteca-emeroteca che raccoglie molte pubblicazioni sulla disabilità e non solo.

Il Cud di Palermo rappresenta dunque un vanto per l’intera regione ma l’integrazione degli alunni e gli studenti disabili d’Italia e Sicilia non può essere una garanzia presente nel territorio a macchia di leopardo.
 


Mobilità insegnanti. Continuità didattica compromessa
 
Il rapporto “Alunni con disabilità nelle scuole italiane: bilancio e proposte”, calcola anche la spesa annuale totale che è stimata intorno a 4 miliardi di euro, all’interno della quale le voci più significative sono le retribuzioni dei 95.000 insegnanti di sostegno e i compensi erogati dagli enti locali agli operatori e a figure esterne alla scuola.
Secondo lo stesso rapporto il numero di alunni con disabilità per docente di sostegno è rimasto nel tempo sostanzialmente stabile, oscillando fra 1,9 e 2 a livello nazionale, con differenze territoriali.
è motivo di preoccupazione, invece, l’elevata mobilità degli insegnanti di sostegno, superiore a quella dei curricolari: oltre il 40% degli allievi con disabilità cambia insegnante di sostegno una o anche più volte all’anno, con conseguenze negative per la continuità didattica e l’efficacia del processo d’integrazione che dunque presenta degli andamenti discontinui regione per regione.
Occorre garantire ai giovani disabili l’intergrazione ed alla nostra società la massima espressione della sua diversità, che qualora si manifestasse, porterebbe ad una crescita civile collettiva e non particolare.

Articolo pubblicato il 05 luglio 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus