Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Petrolchimici, bombe innescate
di Rosario Battiato

Ambiente. I rischi naturali e l’assenza di difese.
Tsunami. L’Università di Bologna ha predisposto una mappa degli tsunami nel Mediterraneo e la Sicilia è tra le regioni maggiormente a rischio, ma non esistono misure sulla sicurezza.
Sisma. A fine anni ‘90 un gruppo di ricercatori lavorò ad un progetto per la messa in sicurezza di serbatoi in Sicilia. Dopo lo studio, l’oblio: non si è mai saputo se quel lavoro sia stato considerato

Tags: Petrolchimico, Ambiente, Tsunami, Sisma, Priolo



PALERMO – L’ultima mappa del rischio tsunami nel Mediterraneo certifica la Sicilia come una delle aree a maggiore rischio. A fronte di questa eventualità gli impianti industriali dell’Isola, che, tra l’altro, rientrano nella tipologia a rischio incidente rilevante, non sembrano in grado di garantire una prevenzione in grado di rassicurare gli scienziati.
Gli studi dell’Enea (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo sostenibile), spiegano come in assenza di una normativa specifica in proposito non ci siano praticamente garanzie sullo stato di messa in sicurezza degli impianti in caso di maremoto.
Anche sul rischio sismico l’industria si presenta in ritardo, e, per mettersi al passo coi tempi della progettazione antisismica, saranno necessari cospicui investimenti. (continua)

Articolo pubblicato il 13 luglio 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus