Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Estate, tempo di ritardi aerei come chiedere i risarcimenti
di Vincenzo Ragazzi

Per un ritardo di tre ore prevista una compensazione fino a 600 €

Tags: Risarcimenti, Ritardi, Aereo



Un consumatore si era rivolto all’Associazione per ottenere il ristoro dei danni subiti a causa di un ritardo aereo cagionato da una delle più importanti compagnie aeree italiane.
Dopo aver attivato la procedura di risarcimento, in tempi brevissimi riuscivamo a definire transattivamente la vertenza con il vettore che riconosceva al consumatore sia la compensazione pecuniaria prevista dal Reg. CEE 261/2004 che un’ulteriore somma a titolo di danno non patrimoniale per i disagi patiti e per l’omessa informazione ed assistenza al passeggero durante la lunga attesa in aeroporto.

Infatti il Reg. CE/261/04, ponendosi l’obiettivo di salvaguardare e proteggere il passeggero, ha stabilito regole comuni in materia di compensazione ed assistenza ai passeggeri, fissando i diritti inderogabili per i passeggeri in caso di disservizi.
In ipotesi di ritardo di due o più ore, il vettore deve prestare al passeggero l’assistenza in relazione all’entità del ritardo, fornendo pasti e bevande congrui alla durata dell’attesa, nonché permettendo al passeggero di effettuare a titolo gratuito due chiamate telefoniche o messaggi via telex, fax o posta elettronica, ed informandolo ogni 30 minuti circa le cause del ritardo.
Inoltre se il volo ritarda la partenza di almeno tre ore, al passeggero andrà corrisposta una compensazione pecuniaria pari ad € 250,00, se la tratta non supera i 1.500 Km, di € 400,00 se l’itinerario di volo è ricompreso tra i 1.500 Km ed i 3.500 Km, e di € 600,00 per tutte le tratte aeree superiori ai 3.500 Km al di fuori della Unione Europea, oltre al risarcimento di tutti gli ulteriori eventuali danni e costi dallo stesso patiti.

In questo senso si è espressa la Corte di Giustizia Europea, con la sentenza del 19.11.2009, nella quale, dimostrando notevole attenzione per il passeggero, ha affermato il diritto di ogni utente ad ottenere una compensazione pecuniaria in ipotesi di ritardata partenza del volo, qualora la stessa venga posticipata di almeno tre ore.
Segnalate a Veroconsumo (inviando una email a segreteria@veroconsumo.it) eventuali disservizi subiti, affinchè possa aiutarvi ad ottenere il risarcimento dovuto per i disagi ed i danni patiti.

Articolo pubblicato il 13 luglio 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus