Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Sanità riformata costa 127 mln in più
di Giovanna Naccari

Aumenti. La Sanità nel 2010: analisi Corte dei Conti.
Personale 118. Procuratore Coppola: “Al 31 dicembre 2010 il personale 118 ammontava a 2.993 unità in leggera
diminuzione rispetto al 2009 ma curiosamente è costato di più”.
Un miliardo e 52 milioni. La spesa farmaceutica è aumentata di 12,3 mln € rispetto al 2009 per l’immissione in commercio di principi attivi più costosi e l’incremento delle prescrizioni.

Tags: Sanità, Aumenti, Corte Dei Conti



La Sanità siciliana nel 2010 è costata quasi 9 miliardi (8 miliardi 902 milioni) di euro, 127 milioni in più rispetto al 2009 e 750 milioni oltre le previsioni (vedi il Bilancio preventivo 2010 della Regione Siciliana). Come si spiega questo? Lo stesso procuratore generale d’appello della Corte dei Conti, Giovanni Coppola, mostra sorpresa nel Giudizio di parifica sul Rendiconto della Regione quando scrive, ad esempio, “89,5 milioni sono occorsi per retribuire il personale 118 che, al 31/12/10, ammontava a 2.993 unità, in leggera diminuzione rispetto alle 3.083 unità di fine 2009, anche se, curiosamente, sono costati di più, con un aumento di circa 7,7 milioni”.
L’aumento dei costi ha riguardato non solo il personale del 118, ma tutto il personale della sanità, le ambulanze, l’assistenza ospedaliera e specialistica convenzionata, la mobilità, i farmaci. (continua)

Articolo pubblicato il 15 luglio 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus