Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Dall’Ue 109 mln di euro alla ricerca per energia e ambiente futuri
di Antonio La Ferrara

Pubblicato invito a presentare proposte nell’ambito del VII Programma quadro Cooperazione. La sfida per le celle a combustibile e le tecnologie a idrogeno chiede di investire

Tags: Unione Europea, Ricerca, Energia, Ambiente



PALERMO - Sviluppare nuove conoscenze, nuove tecnologie e prodotti, che possano includere il coordinamento scientifico, le attività di dimostrazione o condivisione di risorse comuni per la ricerca, al fine di migliorare la competitività europea od affrontare le principali esigenze della società: i progetti da presentare alla Commissione europea dovranno avere questo come obiettivo finale. E’ stato infatti pubblicato un invito a presentare proposte nell’ambito del VII Programma quadro Cooperazione  - programma Ricerca e Innovazione. I progetti riguarderanno l’impresa comune “Celle a combustibile e idrogeno” sulla base di argomenti derivanti dal suo piano di attuazione annuale.

I progetti in collaborazione sono obiettivo dei progetti di ricerca guidati e finalizzati all’obiettivo di cui sopra. Come tali, possono essere destinati anche a gruppi particolari, come Pmi e altri soggetti più piccoli.
I progetti in collaborazione hanno in genere una durata prevista di 2-5 anni. Tuttavia, non vi è alcuna formale durata minima o massima.

La sfida per le celle a combustibile e le tecnologie a idrogeno è molto complessa e richiede sostanziali investimenti e un alto livello di competenze scientifiche, tecnologiche e industriali.
Il Piano strategico europeo per le tecnologie energetiche (Piano SET) ha identificato le celle a combustibile e idrogeno tra le tecnologie necessarie affinché l’Europa raggiunga gli obiettivi del 2020, come la riduzione delle emissioni di gas serra, una quota maggiore di fonti energetiche rinnovabili nel totale dell’energia e una significativa riduzione dell’uso di energie primarie.

Le attività da svolgere nel contesto di un progetto di collaborazione dovrebbero includere:
• attività di ricerca e sviluppo tecnologico, che riflettono le attività fondamentali del progetto
• attività di dimostrazione, destinate a comprovare la validità delle nuove tecnologie che offrono un vantaggio economico potenziale ma che non possono essere commercializzate direttamente (ad es.  di prototipi simili a prodotti)
• attività di gestione, al di là della gestione tecnica di lavoro individuale
• attività direttamente connesse con gli obiettivi del progetto (individuati nella relazione annuale)
• attività per diffondere i risultati della ricerca e per preparare la loro adozione e utilizzo
• formazione dei ricercatori e personale chiave, compresi i dirigenti di ricerca dirigenti industriali (in particolare per le PMI).

Per quanto riguarda i soggetti beneficiari, nella domanda devono essere presenti almeno tre “persone giuridiche” con sede in diversi Stati membri dell’UE o Paesi associati (i paesi interessati sono elencati nella sezione 3 delle Linee Guida).I soggetti devono essere indipendenti l’uno dall’altro e almeno uno dei soggetti giuridici deve essere membro del Gruppo industriale o del gruppo di ricerca.

Il coordinatore funge da unico punto di contatto tra i partecipanti e l’FCH. Il coordinatore è generalmente responsabile per la pianificazione generale della proposta e della costituzione del consorzio che farà il lavoro. In generale, il coordinatore sarà un membro del Gruppo industriale o del gruppo di ricerca.

Relativamente alle modalità di partecipazione, il bilancio definitivo assegnato a questo invito, in seguito alla valutazione dei progetti, può variare fino al 10% del valore totale dello stesso.
Le proposte possono essere preparate in una qualsiasi delle lingue ufficiali dell’Unione europea. Se la proposta non è in inglese, una traduzione della proposta completa sarebbe di aiuto agli esperti; potrà essere presentata in inglese ed inclusa nella parte B della proposta.
 

 
Il 18 agosto 2011 termine ultimo per presentare proposte
 
Le proposte devono essere presentate per via elettronica, utilizzando l’elettronica delle proposte della Commissione Submission Service (EPSS); le proposte che arrivano con altri mezzi sono considerate come non presentate, e non saranno valutate.
Inoltre una proposta è composta di due parti:  Parte A che conterrà le informazioni amministrative in merito alla proposta e dei partecipanti. include una breve descrizione dei lavori, i contatti e le caratteristiche dei partecipanti e le informazioni relative al finanziamento richiesto; Parte B che è un "modello", o una lista di voci, piuttosto che una forma amministrativa  Si dovrebbe seguire questa struttura al momento della presentazione del contenuto scientifico e tecnico della proposta
L’importo complessivo disponibile ammonta a €. 109.000.000
Il termine ultimo per presentare le proposte scade il giorno 18 agosto 2011.Per leggere il bando ufficiale, consultare la Gazzetta ufficiale dell’Unione europea C131 del 3 maggio 2011 al seguente link http://eurlex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=OJ:C:2011:131:0015:0015:IT:PDF  e reperire ulteriori informazioni al seguente link http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction.

Articolo pubblicato il 20 luglio 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus