Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

La Regione investe sulla filiera locale. 15 milioni per la promozione del made in Sicily
Tra i servizi richiesti ci sono l’attuazione di un piano di comunicazione e la partecipazione a fiere internazionali. Tre bandi prevedono finanziamenti per diversi settori come il lusso e l’artigianato

Tags: Export



PALERMO - Adesso bisogna fare sul serio. Nella competizione internazionale sempre più feroce la Regione ha deciso di investire poco più di 15 milioni di euro per la promozione all’estero delle filiere siciliane di specializzazione produttiva nei settori beni di lusso (moda, tessile, nautica e abbigliamento), agroalimentare, “bioagro”, artigianato e “sistema casa”. La volontà dell’azione regionale è prevista in tre bandi emessi dal dipartimento regionale delle Attività produttive in coerenza con le linee operative del Print e in particolare con l’obiettivo operativo 5.2.1 (linea di intervento 5.2.1.A sub C).

La promozione del made in Sicily all’estero potrebbe essere un passaggio essenziale. Nello specifico, si tratta di avvisi pubblici per l’affidamento dei servizi di marketing e di internazionalizzazione, che coinvolgerà contemporaneamente i principali settori produttivi dell’isola in un programma che, svolgendosi nell’arco del triennio 2012 - 2014, consentirà alle Pmi di programmare la propria azione di internazionalizzazione con l’ottica del lungo periodo.

Tra i servizi richiesti nei bandi ci sono, ad esempio: la predisposizione ed attuazione di un piano di comunicazione, la realizzazione di attività di comunicazione, la partecipazione a fiere internazionali, l’organizzazione di missioni “incoming” in Sicilia di operatori esteri.

Per il settore “lusso” le somme messe a bando sono complessivamente 5 milioni e 100 mila euro (lotto 1: settore beni di lusso: moda-tessile-abbigliamento 2 milioni 400 mila euro iva inclusa. Lotto 2, settore beni di lusso “nautica”, 2 milioni 700 mila euro iva inclusa).

Ammontano a 5 milioni 700 mila euro le somme disponibili per i settori “agroalimentare” e “agrobio” (lotto 1, progetto settore agroalimentare: 3 milioni 600 mila euro iva inclusa; lotto 2: settore bio: 2 milioni 100 mila euro iva inclusa).
Sono, invece, 4 milioni 860 mila euro, infine, le risorse per i settori “artigianato” e “sistema casa” (lotto 1, settore artigianato: 2 milioni 640 mila euro iva inclusa; lotto 2, settore “sistema casa”: 2 milioni 200 mila euro iva inclusa).
Le offerte potranno essere inviate entro le ore 13 del cinquantaduesimo giorno successivo alla data di pubblicazione dell’estratto dell’avviso sulla Gazzetta ufficiale della Regione Siciliana.

La fornitura deve essere completata entro il 30 giugno 2015; la documentazione di gara ed i documenti complementari saranno disponibili, fino alla scadenza del termine di presentazione delle offerte, sui siti internet www.regione.sicilia.it/cooperazione/internazionalizzazione e www.euroinfosicilia.it.

Articolo pubblicato il 26 luglio 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐