Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Ragusa - Nuovo step per metà settembre. L’aeroporto ancora non decolla
di Stefania Zaccaria

Irrisolte le questioni riguardanti gli arredi, la convenzione con l’Enav e i regolamenti per i parcheggi. Prevista per il 15 del prossimo mese la consegna della struttura alla Soaco

Tags: Aeroporto, Enav



COMISO (RG) - Un’altra scadenza fissata, l’ennesima. E la lunga storia dell’aeroporto di Comiso continua. Questa volta la data è quella del 15 settembre, quando, ipoteticamente, la struttura potrebbe passare dalle mani del Comune ipparino alla Soaco, la società che dovrà gestirla.
Il termine è stato definito qualche giorno fa in un incontro con l’assessore regionale alle Infrastrutture, Pier Carmelo Russo, il Comune di Comiso, l’Intersac, la Soaco, l’Enav, l’Enac e alla presenza dei deputati regionali Orazio Ragusa, Pippo Digiacomo e Innocenzo Leontini.

Le questioni ancora da risolvere sono quelle riguardanti la stipula della convenzione tra Soaco ed Enav, la conseguente attivazione dei servizi di assistenza al volo, la predisposizione di un regolamento comunale per i parcheggi e i trasporti e il concreto avvio delle operazioni di volo.
Rimane ancora aperto, inoltre, il problema degli arredi: chi si dovrà accollare tali spese? La risposta non è ancora ben chiara, così come ci aveva anticipato qualche tempo fa lo stesso sindaco Giuseppe Alfano.
I Vigili del Fuoco, invece, sono stati già garantiti con 60 unità, così come sembra essersi risolta l’annosa questione della copertura per l’assistenza di volo: il finanziamento è arrivato tramite la Regione siciliana.

Il sindaco di Comiso, Alfano, si dice, come sempre, ottimista per quel che riguarda i problemi non risolti.
“Tutte le procedure più complesse e complicate – ha detto - sono state superate. Non esistono più ostacoli per la funzionalità dell’aerostruttura. L’aeroporto, con comunicazione già effettuata alla Soaco, potrebbe, quindi, essere consegnato loro anche domani. Fondamentale la sinergia tra i vari enti interessati alla vicenda e gli ultimi incontri intercorsi nelle settimane scorse a Roma, che hanno consegnato e munito l’aerostruttura di tutti i certificati di agibilità”.

“A questo punto – ha continuato il primo cittadino di Comiso - la palla passa alla Soaco, già convocata presso la Regione Sicilia e all’Enac, per chiarire intenzioni e atti da concretizzare per la funzionalità dell’aeroporto”.
Per il 15 settembre, in concomitanza con il passaggio del testimone della struttura, è previsto anche il collaudo finale che dovrebbe chiudere, in teoria, la trafila delle operazioni preliminari.
 

La società di gestione. Via ai voli entro l’estate del 2012
 
COMISO (RG) – “Mi impegnerò a convocare al più presto un Cda allargato ai soci per stabilire tutte le modalità di consegna della struttura: di questo passo si potrebbe volare da Comiso entro l’estate 2012”.
Anche le previsioni del presidente della Soaco, Rosario Dibennardo, sono ottimistiche così come quelle del ministro dell’Ambiente, Stefania Prestigiacomo, che qualche giorno fa ha annunciato, per nome del Governo, “di farsi carico del problema dell’apertura dell’aeroporto di Comiso''.
Per il ministro, infatti, “è paradossale il fatto che un aeroporto, in un’area della Sicilia di grande interesse turistico sia pronto dopo anni di lavori e non venga aperto perché mancano le risorse economiche per il personale della torre di controllo”.
Gli interessi per l’apertura dell’infrastruttura sembrano quindi massimi.

Articolo pubblicato il 02 agosto 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus