Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Assenze per malattia comunicate per mail
Dal 14 settembre possibile l’uso anche di sms

Tags: Malattia, Lavoro, Comunicazione



“Capo sto male, oggi non posso venire a lavorare”. In un sms entra anche qualche carattere in più, ma sicuramente le comunicazioni con cui saranno annunciate le assenze per malattia da settembre saranno alquanto  stringate. Dal 14 settembre prossimo infatti, via libera agli avvisi di assenza per malattia, da parte del lavoratore, via sms o email. Basta comunicare il numero di protocollo che identifica la certificazione telematica emessa dal medico.

Insomma si cerca non solo di rendere valido un messaggio inviato con un click, ma di rendere obbligatoria questa velocissima modalità di invio . La decisione è il risultato degli accordi sottoscritti da Confindustria e da Confapi con Cgil, Cisl e Uil, sul rilascio dei certificati di malattia in via telematica. Le nuove regole saranno operative a partire dal 14 settembre prossimo.
Si ricorda che il collegato lavoro (legge n. 183/2010), prevede che il certificato medico attestante l’assenza per malattia di un dipendente sia inviato, per via telematica, direttamente all’Inps dal medico o dalla struttura sanitaria pubblica che lo rilascia. Una volta ricevuto il certificato, l’Inps lo invia, sempre telematicamente, al datore di lavoro.

Fino al 13 settembre il lavoratore potrà continuare a inviare il certificato di malattia cartaceo con le modalità previste da ciascun contratto collettivo nazionale. Dal 14 settembre il medico non potrà più rilasciare al lavoratore il certificato di malattia in forma cartacea, ma dovrà sostituirlo con un numero identificativo, da consegnare al lavoratore, che dovrà comunicarlo alla propria azienda, utilizzando mezzi tecnologici quali sms o email.”  Nell’era digitale quindi obbligo di informatizzazione dunque, per datori di lavoro e lavoratori, senza alternative. Anche in malattia.

Articolo pubblicato il 04 agosto 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐