Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Comuni sbilanciati verso il baratro
di Alessandro Petralia

Enti locali. Conti non in regola amministratori inerti.
Virtuosi ma non troppo. Enna, Trapani, Palermo e Ragusa hanno già approvato il documento contabile, ma nessuno di essi è riuscito a farlo prima della fine del mese di giugno.
Improvvisazione. Senza copertura economica, gli investimenti strutturali e la gestione dei servizi avvengono con procedure straordinarie e di conseguenza con forti limiti di spesa.

Tags: Conti, Enti Locali



PALERMO – Ad oggi solo quattro dei nove Comuni capoluogo hanno approvato il bilancio di previsione 2011: Catania, Messina, Caltanissetta, Siracusa e Agrigento sono infatti ancora privi del fondamentale documento di programmazione economica e finanziaria. L’inadempienza non è certo di poco conto: il bilancio preventivo rappresenta l’atto fondamentale di programmazione dell’ente, senza il quale non si possono né prevedere gli investimenti, né un’accorata erogazione dei servizi.
Alla domanda su come essi possano garantire i servizi ai cittadini senza aver redatto una chiara pianificazione economica la risposta è evidente: non vi è nessuna garanzia, ma solo un modo di procedere incerto ed emergenziale. L’ultima scadenza è fissata al 30 agosto, ma non è detto che tutti riescano a rispettarla.  (continua)

Articolo pubblicato il 09 agosto 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐