Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

I controlli della Guardia costiera per limitare l’eccesso di velocità
Un pericolo non solo per i bagnanti: sanzioni da 172 a 344 euro

Tags: Guardia Costiera, Bagnanti



CATANIA – In un momento di notevole afflusso nelle zone di balneazione i controlli della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera sono mirati a contrastare l’eccesso di velocità nelle acque catanesi ad opera dei naviganti sia diportisti che professionisti che agiscono in violazione della legge. La GC impiegherà con continuità pattuglie composte da 3/4 militari che si sposteranno lungo il litorale della provincia utilizzando un’apparecchiatura sofistica e di ultima generazione per la rilevazione della velocità con tecnologia al laser nei porti di principale interesse e nelle zone di maggior traffico marittimo.

L’assoluta precisione di tali dispositivi, dotati di tutte le omologazioni previste per legge, sono in grado di stabilire con certezza la velocità di tutti i veicoli inquadrati, nella fattispecie anche le unità navali da diporto e non, con margini di errore assolutamente trascurabili e comunque ricompresi nelle tolleranze stabilite dalle norme vigenti.
La Capitaneria di Porto di Catania sin dall’inizio della stagione estiva ha emanato l’Ordinanza balneare n° 28 del 20.05.2010 con la quale si ricorda, a tutta l’utenza diportistica, che rimane vigente lo stesso limite di velocità, fissato nella passata stagione balneare, “di 10 nodi entro i 500 metri dalle coste a picco ed entro i 1000 metri dalle spiagge”, fatti salvi gli ulteriori limiti previsti per le acque di ogni porto, solitamente ancora più contenuti e per i quali è possibile informarsi negli  Uffici Marittimi di riferimento.

La Capitaneria di Porto ricorda che le sanzioni previste ammontano a 172 euro per le unità non immatricolate ed esattamente il doppio, 344 euro, per le unità immatricolate. Non c’è scampo dunque. Per chi avesse dubbi prima di intraprendere iniziative con il rischio di arrecare danni alla personale incolumità e a quella degli altri, di rivolgersi in ogni caso per ogni delucidazione od informazione in merito alla Capitaneria di Porto Catania mentre per le emergenze contattare  il 1530, gratuito anche da cellulare e sempre attivo 24 ore su 24.

Articolo pubblicato il 10 agosto 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus