Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Cronoscalata Termini-Caccamo. Totò Riolo ritorna e batte tutti
di Vincenzo Barone

Il pilota palermitano protagonista dopo una forzata pausa, causata da difficoltà tecniche alla sua Bogani. Assente il leader di classifica, Bonucci. Bene Barbaccia, Guagliardo e Pagliarello

Tags: Automobili, Quattro Ruote, Totò Riolo



PALERMO - La Termini-Caccamo (una delle tre crono del circuito delle salite nazionali autostoriche), organizzata molto bene da Trinacria corse (alias Toto’ Battaglia), ha avuto un ruolo determinante per dare un assetto ai punteggi di alcuni piloti impegnati nel campionato. Molti i piloti oltrestretto venuti in Sicilia per competere sia a Termini, che alla successiva Collesano-Piano Zucchi, tra cui Zucchetti, Barbieri, Conti, Amante, Vezzosi, Menichelli, Turriziani, Trentini, Leonardi e altri, mentre è stata notata, e certamente con stupore, l’assenza di Bonucci, leader del campionato.

La  competizione si è svolta in unico giorno - prove alle 9, gara alle 11 - con buona pace di chi, se avesse avuto un gusto in prova, avrebbe perso di fare 2 ore dopo la gara, svoltasi tuttavia in perfetta linearità, se si eccettua un incidente, senza alcuna conseguenza  per il pilota Maurizio Arnone, che nell’affrontare una sinistra veloce (chiusa un po’ in anticipo), è cappottato con la sua Lotus Elan, restando a ruote per aria nel centro carreggiata. Immediatamente, i competitor che sopraggiungevano, Ferrarella in primis, Gioè e  Battaglia subito dopo, si sono fermati per soccorrere il collega, cosa che invece non ha fatto Sunseri, un pilota locale a bordo di una Porsche (risultata peraltro sottopeso e squalificata alle  verifiche post gara), utilizzando lo spazio libero tra la vettura di Ferrarella ferma sulla destra (con il generoso pilota che si sbracciava per fermarlo) e la Lotus cappottata, come una “chicane” da fare scalando una sola marcia e via come se niente fosse. Complimenti per la sensibilità! Peraltro ai tre  gentleman driver è stato concesso di ripetere la prova.

Protagonista assoluto della gara è stato Toto’ Riolo con la Bogani Sport, assistita dalla Biesse Motors, che ha  realizzato una splendida prestazione, dopo un periodo di stasi, dovuto a un pezzo di ricambio reperito appena disponibile: un vero peccato anche il mancato confronto con Bonucci, pilota senese.
Il secondo tempo assoluto è stato del palermitano Barbaccia con la Paganucci sport, terzo tempo per il pilota- preparatore Mimmo Guagliardo con la  Porsche (quasi tutte le Porsche in gara, ma buona parte delle Porsche da corsa italiane, sono assistite nella sua factory palermitana). Bene ancora Pagliarello, Vezzosi, “Giartuas” e molti altri. Il circus si è subito spostato a Collesano.

Articolo pubblicato il 11 agosto 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Cronoscalata Termini-Caccamo. Totò Riolo ritorna e batte tutti -
    Il pilota palermitano protagonista dopo una forzata pausa, causata da difficoltà tecniche alla sua Bogani. Assente il leader di classifica, Bonucci. Bene Barbaccia, Guagliardo e Pagliarello
    (11 agosto 2011)
  • Il punto: Pagliarello e Saluto sono già campioni - (11 agosto 2011)
  • Ditta Paolo & Martano mani fatate sui motori -
    Dietro le quinte delle gare, alla scoperta dei preparatori. Il lavoro di due toscani dietro i successi dei piloti
    (11 agosto 2011)
  • Collesano-Piano Zucchi, gara in archivio senza sorprese -
    Fullone e Fontana, a bordo di MiniCooper, hanno rotto il “monopolio” Porsche. Conferma per lo scatenato Riolo, alle sue spalle Barbaccia e Altopiano
    (11 agosto 2011)


comments powered by Disqus