Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Collesano-Piano Zucchi, gara in archivio senza sorprese
di Vincenzo Barone

Fullone e Fontana, a bordo di MiniCooper, hanno rotto il “monopolio” Porsche. Conferma per lo scatenato Riolo, alle sue spalle Barbaccia e Altopiano



PALERMO - Doppio weekend, come già accennato nella cronaca di inizio pagina, per piloti siciliani e  non solo. C’era da onorare la salita Collesano-Piano Zucchi, memorial Rocco Chinnici, che piano piano, con gli anni, sta meritando di rimanere nel circus delle gare di campionato italiano. Infatti, gli sforzi di Giovanni Cuccia e company della locale scuderia Sicilia Racing, la sinergia  intelligente creata con la Trinacria  corse di Battaglia (organizzatore della Termini-Caccamo), testimoniano l’impegno e lasciano speranze al prosieguo nei prossimi anni, augurandoci, tutti i siciliani che facciamo costose trasferte al Nord, di poter avere confermate le nostre tre cronoscalate nel campionato: non è infatti  assolutamente positivo il fatto che in Sicilia - se si eccettuano Erice storica  Termini e Collesano - quest’anno le altre gare siano assolutamente  incerte, anzi quasi certamente a  rischio di mancata disputa. E che peraltro, se si parla di pista, Pergusa è stata una grande delusione e nubi  grosse all’orizzonte sembrano apparire sopra l’impianto.

La Collesano-Piano Zucchi si è svolta in due giornate: la domenica  con due manche di gara, entrambe  vinte da Toto’ Riolo con la Bogani Biesse Motors (nella foto) a tempo di record, e il sabato per le usuali e  previste prove ufficiali, non disputate, in quanto i medici rianimatori, asserviti alle ambulanze inviate sul posto, forse si erano laureati il giorno prima e, pertanto, il direttore di corsa Tartamella non ha ritenuto giustamente di dare lo start ai cronometri. Le prove costituiscono una gara a tutti gli effetti e quindi con i medesimi rischi della vera e propria  competizione.

Detto di Toto’ Riolo, vincitore alla  grande e dei suoi numerosi sponsors, buona anche stavolta la prestazione di Barbaccia con la Paganucci, e di Altopiano con l’Ascona 400. Nel 1° gruppo Gioe’, Fullone e Fontana, il primo con la Porsche 911, gli altri con due Minicooper pazzesche. Nel 2° gruppo Billa, Bruno e Picciurro con le Porsche, si sono messi in fila. Ancora ospiti graditissimi da oltre stretto, quasi tutti quelli della Termini- Caccamo, eccetto Vezzosi e  Turriziani. Buone performances  anche per loro.

Articolo pubblicato il 11 agosto 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento

comments powered by Disqus