Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Casa: interventi di manutenzione cosa fare per mettersi in regola
di Salvatore G. Cosentino

Solo quelli ordinari non sono soggetti ad autorizzazione preventiva

Tags: Lavori, Casa



PALERMO - La bella stagione invita ad effettuare nei nostri appartamenti interventi migliorativi e di manutenzione che  abbiamo rinviato nel periodo invernale. Gli interventi che possiamo effetture li possiamo dividere in interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria.
Sono interventi di manutenzione ordinaria quelli rivolti al mantenimento dell’efficienza dell’immobile (adeguamento di impianto elettrico, rifacimento di una pavimentazione ecc.) . In questa fascia fanno parte la sostituzione degli infissi o l’installazione di una porta blindata , fanno parte tutti gli interventi che non variano l’impianto originario della casa.
Gli interventi di manutenzione ordinaria non sono soggetti a alcuna autorizzazione. Tuttavia se l’immobile è vincolato dalla Sovrintendenza ai beni architettonici potrebbe essere richiesta la sua autorizzazione, infatti non è pensabile in un edificio a valore storico con affreschi alle pareti si svelliscano le pareti per aggiungere un punto luce  perché sarebbe una violazione dell'integrità del bene  ovviamente, anche se l'edificio è privato e questo è valido per ogni intervento edilizio. L'articolo 3, comma 1, lett. a) del D.P.R. 380/2001 definisce interventi di manutenzione ordinaria “gli interventi edilizi che riguardano le opere di riparazione, rinnovamento e sostituzione delle finiture degli edifici e quelle necessarie ad integrare o mantenere in efficienza gli impianti tecnologici esistenti”.

Fanno parte degli interventi di manutenzione straordinaria quelli necessari a mantenere in buono stato l’intero edificio . Rientrano in questo tipo di manutenzione le opere di consolidamento statico, la modifica integrale degli impianti esistenti, il rifacimento di una copertura. Sono interventi di manutenzione straordinaria quelli  che non alterano la forma, il volume o la superficie complessiva di un immobile.

La redistribuzione della casa mediante la demolizione  di tramezzi e la modifica delle stanze non altera questi elementi ed è, quindi, manutenzione straordinaria. Gli interventi di manutenzione straordinaria devono essere segnalati all'Ufficio Tecnico comunale presentando una denuncia di inizio attività firmata dal proprietario ed asseverata da un tecnico abilitato nella quale dovranno essere indicati gli interventi da effettuare è inoltre necessario comunicare l’impresa esecutrice l’intervento e trasmettere il DURC (documento unico regolarità contributiva) dell’impresa esecutrice i lavori, da notare  che in alcuni casi è necessario nominare un direttore lavori.  

L'articolo 3, comma 1, lett. b) del D.P.R. 380/2001 definisce interventi di manutenzione straordinaria “le opere e le modifiche necessarie per rinnovare e sostituire parti anche strutturali degli edifici, nonché per realizzare ed integrare i servizi igienico-sanitari e tecnologici, sempre che non alterino i volumi e le superfici delle singole unità immobiliari e non comportino modifiche delle destinazioni di uso”.
                 

Articolo pubblicato il 12 agosto 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus