Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Catania - Dalla Playa fino al Lungomare, un’altra estate in chiaroscuro
di Antonio Borzì

I luoghi principali della movida estiva sembrano dimenticati dall’amministrazione comunale. Scarsi controlli e servizi insufficienti rendono la città sempre meno vivibile

Tags: Catania, Movida



CATANIA - La movida catanese resta forse uno dei pochi simboli della città difficili da abbattere. I giovani, infatti, nonostante la crisi non rinunciano al divertimento che, grazie anche al clima etneo, non conosce sosta in nessuna stagione. E se d’inverno il centro storico è il cuore pulsante del divertimento, d’estate tutto si sposta in riva al mare. Spazio dunque alle serate all’aperto nei lidi della Playa e nel litorale castellese, senza disdegnare la classica passeggiata al lungomare.

Purtroppo, però, a questi fenomeni non vengono associate delle apposite azioni da parte degli amministratori locali. Azioni pensate per garantire il divertimento in sicurezza, incentivare la movida e, come diretta e logica conseguenza, gli affari.
Prendiamo come esempio la Playa di Catania, dove la sera i vari lidi, anche per fronteggiare la crisi, hanno aperto le porte a delle serate in spiaggia in cui la musica la fa da padrona. Se i privati si danno da fare, però, non si può dire lo stesso per il pubblico. Basti pensare all’illuminazione lungo il viale Kennedy, totalmente assente e sufficiente solamente nella parte iniziale. Le attività principali si concentrano nella fine del litorale, con un intenso via vai di giovani che, una volta parcheggiata la propria autovettura, sono costretti a camminare lungo il ciglio della strada al buio e senza marciapiede. A tutto ciò si aggiungono gli immancabili parcheggiatori abusivi, sempre presenti e rigorosamente impuniti.

Criticità evidenziate anche da Giuseppe Ragusa, presidente provinciale del Sib (Sindacato italiano balneari): “Questo pericolo – ha detto - l’abbiamo segnalato da anni, ma le istituzioni hanno negato l’illuminazione poiché ci troveremmo in preoasi e questo potrebbe essere un fastidio per la fauna. Negli ultimi tempi vi è poi stata un’apertura nei nostri confronti e l’illuminazione è stata dichiarata fattibile, ma non vi sono i fondi per realizzarla”. Per dirla in soldoni, tutto tace.

Altra zona da tenere in considerazione è quella del Lungomare, colonizzata da giovani che fanno jogging e famiglie che vogliono respirare un po’ di brezza marina. Lì l’amministrazione ha intensificato i controlli per fronteggiare l’abusivismo commerciale con azioni che hanno unito l’assessore alla Polizia municipale, Massimo Pesce, e quello al Commercio, Franz Cannizzo. Iniziative positive ma troppo sporadiche, che non sono riuscite ad affrontare la questione in modo strutturale e dunque a risolverla definitivamente.

Non si può dimenticare, infine, lo stato pietoso di piazza Nettuno, con una pavimentazione distrutta, buche e scarsa illuminazione. Una piazza in cui le barriere impediscono ai cittadini di godere di un panorama decente e che non vede il minimo intervento di recupero da parte dell’amministrazione.
Per Catania, insomma, è l’ennesima estate in chiaroscuro.

Articolo pubblicato il 17 agosto 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Lo stato pietoso di Piazza Nettuno (ab)
Lo stato pietoso di Piazza Nettuno (ab)
La pavimentazione di Piazza Nettuno (ab)
La pavimentazione di Piazza Nettuno (ab)