Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Ars: ricchezze dei deputati nascoste
di Maria Rosaria Minà

Opacità. Redditi deputati “pubblici” con norme di 30 anni fa.
Luglio 2009: ampliata dal Parlamento nazionale l’applicazione della legge 441/1982 sulla pubblicità della situazione patrimoniale di titolari di cariche elettive anche su internet.
L.r. 138/1982. La legge regionale applicata solo come obbligo a depositare presso l’ufficio di Presidenza Ars la dichiarazione dei redditi entro 3 mesi dalle elezioni e aggiornarla ogni anno.

Tags: Francesco Cascio, Regione Siciliana, Trasparenza



L’Assemblea regionale siciliana si comporta come quelli che ascoltano solo quando hanno convenienza, per il resto sono sordi. E così quando nel 2009 il Parlamento nazionale ha deciso di rendere pubblici sul web i redditi dei propri parlamentari, alla sola condizione che ognuno di loro acconsentisse, l’Ars invece, non ha mai adottato questo provvedimento. Complici i deputati e in primis il Consiglio di Presidenza. Quella in atto è dunque un’equiparazione al Senato, prevista dalla l.r. 44/1965, solo a metà. Per questo la mossa numero uno nei tagli alla Regione dovrebbe essere abolire l’equiparazione e adottare il modello Lombardia. Noi lo scriviamo nero su salmone da anni, ma adesso occorre fare in fretta. L’Ars dia l’esempo riaprendo prima del 13 settembre e varando già le riduzioni in base alla manovra nazionale d’agosto. (continua)

Articolo pubblicato il 18 agosto 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus