Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

“Clientelismo dietro la mancata riforma Asi”
di Antonio Casa

L’assessore regionale alle Attività produttive torna sulla bocciatura dei due articoli fondamentali: “Emersi i comitati d’affari”. Venturi: avremmo risparmiato 4 milioni l’anno nel momento in cui si chiedono sacrifici ai cittadini

Tags: Marco Venturi, Consorzi Asi, Clientelismo



PALERMO – La riforma dei Consorzi Asi siciliani non è stata voluta da quella maggioranza incrociata dell’Ars che vuole carrozzoni clientelari e luoghi dove si fanno affari con soggetti collusi con la mafia, che invece di sostenere lo sviluppo delle imprese lo ostacolano. Lo dice senza giri di parole l’assessore regionale alle Attività produttive, Marco Venturi, che non ha digerito il voto d’aula che all’inizio del mese ha affossato il testo da egli proposto per cambiare il volto agli 11 enti di sottogoverno obsoleti e, spesso, teatro di sottosviluppo perché a vantaggio di pochi e non certo dell’interesse generale.

Venturi riferisce nomi e fatti, affidandosi ad una nota che replica le dichiarazioni sorte dopo l’elezione del commissario dell’Asi di Enna a presidente del Consorzio di Caltanissetta. “Non voglio entrare in polemica con coloro che di fatto hanno bloccato la riforma delle Asi, anzi colgo l’occasione per evidenziare che le azioni che si sono intraprese hanno fatto uscire allo scoperto i tanti comitati di affari e le relative collusioni con la mafia che si annidano all’interno dei Consorzi Asi siciliani. Sostenere, però, che l’elezione di Cicero abbia fatto cadere la riforma delle Asi è quantomeno fuorviante.

Cicero è stato eletto democraticamente presidente dall’assemblea dell’Ente e non da me. La sua azione commissariale e’ stata apprezzata da tutte le componenti politiche, sindacali e imprenditoriali del territorio”.
Venturi si sofferma sull’aspetto della legalità che nei Consorzi Asi – è stato dimostrato – non è certo limpido. “Per esempio: si dovrebbe sapere che i siti del ‘Calderaro’ a Caltanissetta, o a Catania in cui aveva sede la vecchia Z.I.R., sorgono in aree con forti problematiche ambientali e idrogeologiche che si conoscevano benissimo sin da allora. Come mai sono state realizzate in quei luoghi? Quali interessi si annidavano su quei terreni?”

Quindi Venturi affronta il vero nodo della questione, il voto che tre settimane fa, a sorpresa, ha impallinato una riforma che aveva passato l’esame delle competenti commissioni all’Ars. “Sono le denunce degli intrecci tra mafia - continua l’assessore -, politica e affari, ciò che Cicero ha fatto in qualità di commissario dei consorzi di Caltanissetta ed Enna, il motivo della mancata approvazione della riforma delle Asi? Una riforma 32 articoli approvati e due, fondamentali, impallinati col voto segreto importante, anche e non soltanto mediaticamente, che avrebbe fatto risparmiare alla Regione circa 4 milioni di euro l’anno, in una fase storica drammatica per l’Italia dove si chiedono sacrifici ai lavoratori ed ai pensionati per superare una crisi economica senza precedenti. Cicero, tra le diverse circostanziate denunce sottoposte all’autorità giudiziaria, ha alzato il velo degli intrecci mafia, politica e affari. Un esempio su tutti riguarda la scandalosa gestione del frigomacello, costruito dall’imprenditore colluso Pietro Di Vincenzo, costato 20 miliardi di vecchie lire e regalato agli imprenditori madoniti Giaconia, la nota azienda che spazia dalla macellazione delle carni alla grande distribuzione. Una struttura immensa - sottolinea l’assessore -, del valore di locazione di 240 mila euro annui concesso a 25 mila euro violando ogni procedura di legge. Per non parlare di un lotto concesso in comodato d’uso ad una ditta poi sequestrata per reati di mafia, di cui il prestanome, attualmente agli arresti, era un noto pericoloso affiliato al clan dei Madonia. Tali gravi intrecci, e altro, si sono consumati al tempo della presidenza di Umberto Cortese, durata ininterrottamente 35 anni, uomo di assoluta fedeltà dell’ex assessore alla sanita’ Bernardo Alaimo di cui il Cortese era anche suo segretario particolare.

Venturi ricorda gli sprechi prodotti dal carrozzone politico: “E’ noto che il debito prodotto dalle Asi è di circa 100 milioni di euro; gli sprechi per gli 800 componenti dei consigli generali sono sotto gli occhi di tutti; gli stipendi d’oro degli 11 direttori, circa 150 mila euro annui, suonano come una provocazione allo stato di grave difficoltà economica che colpisce la collettività. Tutto questo spreco coperto dalla politica in cambio di nessuna risposta all’economia siciliana”.

Venturi cita la riforma: “L’Irsap (l’Istituto regionale per lo sviluppo delle attività produttive) avrebbe cancellato tutti questi sprechi - conclude Venturi - dotando la Sicilia di un organismo snello e capace di incidere realmente nell’economia di ogni territorio. Sostenere che a molti, di maggioranza e opposizione, compreso alcuni esponenti del Pd, fanno comodo alcuni privilegi legati ai sottogoverno delle Asi non è un atto di accusa ma è la realtà dei fatti”.

Articolo pubblicato il 23 agosto 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus