Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Agrigento - Il Pdl senza un candidato sindaco punta al confronto alle primarie
di Paolo Picone

In casa Pd gira il nome dell’ex vice sindaco Luparello ma anche il centrosinistra cerca la consultazione. Ricandidatura certa di Zambuto, non si esclude sotto l’insegna del partito di Alfano

Tags: Agrigento, Angelino Alfano



AGRIGENTO - Il Pdl non ha alcun candidato a sindaco per la città di Agrigento. È chiaro il segretario nazionale, Angelino Alfano. L’ex guardasigilli, smessi i panni di ministro, parla di politica agrigentina e lo fa in occasione della festa nazionale del Pid, dove c’era una nutrita delegazione di rappresentanti della provincia. Su Agrigento e sulla candidatura a sindaco di Salvatore Moncada, l’imprenditore definito “il re dell’eolico” Alfano è stato molto chiaro: “Al momento non abbiamo candidati, prendo atto della candidatura di Moncada così mi viene detto. Ma, all’interno del Pdl intendo procedere con assoluta chiarezza e, pertanto, verrà utilizzato uno strumento di democrazia primaria: le primarie”.

Il tema delle primarie era emerso già alla vigilia delle amministrative scorse quando si era parlato della possibilità di ricandidare al Comune di Agrigento, l’uscente Marco Zambuto sotto le insegne del Pdl. Già in quella occasione il coordinatore cittadino, Giovanni Barbera aveva detto che anche ad Agrigento il partito avrebbe seguito le indicazioni del segretario nazionale, Alfano, sul diktat che a scegliere i candidati sarebbero stati gli iscritti attraverso l’uso democratico delle primarie.

Il coordinatore provinciale del Pdl, Nino Bosco, ha ribadito come la linea dettata dal segretario Alfano nell’utilizzare lo strumento delle primarie per la scelta dei candidati sia quella giusta. “è corretto – spiega Bosco - dare la possibilità al partito di scegliere in modo libero, democratico e partecipato i prossimi candidati sindaco”. Intanto si apre la corsa al toto candidato. Nel Pd, partito che le primarie le ha inventate, si profila la candidatura a sindaco di Pietro Luparello, già vice sindaco di Zambuto ed attuale coordinatore cittadino, sponsorizzato da Benedetto Adragna. Mugugni e malumori nel Pd. Le primarie farebbero al caso anche dei democratici visto che ci potrebbe essere una rosa di nomi da sottoporre agli elettori di centrosinistra. Tra i litiganti il terzo, si fa per dire, gode. Marco Zambuto tira avanti ed anche da solo si ricandiderà alla guida della città.

Articolo pubblicato il 08 settembre 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus