Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

L’Etna e lo Stromboli in azione
di Rosario Battiato

In Sicilia esistono altre realtà costantemente monitorate: Vulcano, Lipari, Salina e Pantelleria. La valutazione di criticità trasmessa alle autorità locali per le misure cautelative

Tags: Etna, Stromboli, Eruzione, Protezione Civile



ROMA - Spettacolo, ma anche allerta per gli effetti che Etna e  Stromboli potrebbero causare nelle aree di riferimento. Giorni di attività intensa per i due principali vulcani attivi in Italia: nelle ultime 24 ore si è verificata la settima esplosione maggiore dello Stromboli da gennaio ad oggi, mentre hanno raggiunto quota tredici dall’inizio dell’anno le fontane di lava dell’Etna. Lo rileva la Protezione civile, che mette in guardia dal rischio di “eventi maggiori”.

Sulla base dei dati e dei segnali rilevati dai principali sistemi di monitoraggio e sorveglianza gestiti dai centri competenti (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e  Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Firenze) e dalle strutture di presidio territoriale, il Centro funzionale centrale per il rischio vulcanico del Dipartimento della Protezione Civile ha indicato oggi “una valutazione di criticità elevata per la zona sommitale dell’Etna per ricaduta di ceneri e lapilli”. Già nei giorni scorsi, si ricorda, un’analoga criticità era stata segnalata per lo Stromboli, per il persistere di attività esplosiva di maggiore intensità, caratterizzata anche da piccole colate laviche in prossimità dei crateri. La valutazione di criticità emessa dal Centro funzionale vulcanico, aggiunge il Dipartimento, viene trasmessa alle autorità locali al fine di consentire loro di mettere in atto le misure cautelative utili.

In particolare, prosegue la Protezione civile, “in considerazione del verificarsi dell’incremento di attività nel periodo estivo, è utile ricordare a quanti avessero in programma attività escursionistica sulle pendici dello Stromboli che l’accesso ai sentieri è soggetto a regolamentazione da parte del sindaco, prima autorità di protezione civile sul territorio. Tale disciplina varia in funzione dello stato di attività del vulcano, laddove, ad esempio, anche esplosioni di intensità non particolarmente elevata possono determinare la ricaduta di materiale incandescente di dimensioni considerevoli”.

Il Dipartimento evidenzia anche che, “nonostante lo Stromboli sia costantemente monitorato e la ricerca scientifica in materia sia molto avanzata, ad oggi non è possibile prevedere il verificarsi di eventi maggiori che possono causare lanci di bombe vulcaniche non soltanto nell’area prossima ai crateri ma anche nelle zone più distanti, vicine piuttosto a strutture e abitazioni e potenzialmente rischiosi per le persone”. Oltre ai due vulcani siciliani in costante attività, in Italia esistono numerosi altri vulcani che, pur non essendo caratterizzati da attività persistente, sono attivi e costantemente studiati e monitorati: Vesuvio, Campi Flegrei, Ischia, Vulcano, Lipari, Salina, Isola Ferdinandea, Pantelleria e Colli Albani, oltre ai vulcani sottomarini del Mar Tirreno e del Canale di Sicilia.

Articolo pubblicato il 10 settembre 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus