Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Con lÂ’informatizzazione facile accesso ai servizi
di Anna Greco

Forum con Giuseppe Amato, dirigente della sede Inpdap di Messina

Tags: Giuseppe Amato, Inpdap, Messina



Nel 2009, in materia di mutui, prestiti e cessioni, si è parlato di oltre ventotto milioni di euro erogati dall’Ente. Questa cifra ha subìto modifiche nel tempo?
“Sì, si è ridotta. Attualmente, l’ammontare erogato è di circa venti milioni di euro”.

Da quante unità è composto l’attuale organico della sede di Messina?
“Il nostro organico, attualmente, è composto da ottanta unità. Sono cinque in meno rispetto a qualche anno fa, ma siamo in procinto di ridurre ancora come numero perché, in corso, ci sono vari pensionamenti”.

Qual è il vostro bacino di utenza? Quale il numeri degli iscritti?
“Come ente gestiamo tutta la provincia di Messina. Abbiamo almeno ottantamila tra iscritti e pensionati. Ed inoltre, avendo anche la marina, i militari, abbiamo spesso anche iscritti occasionali”.

Lo stato di informatizzazione dell’istituto che dirige è aggiornato ed al passo con i tempi?
“Sì. C’è, nei programmi di informatizzazione, un investimento costante e continuo da parte della nostra direzione generale. Ricordo a tal proposito, l’indirizzo del sito ufficiale cui accedere per potere anche usufruire dei vantaggi dei vari servizi offerti: www.inpdap.gov.it”.
Quali sono i servizi messi a disposizione degli utenti con possibilità di svolgimento ed accessibilità on-line?
“Per gli iscritti è prevista la visualizzazione dell’estratto contributivo e l’invio di richieste di variazione dei dati. Al momento l’accesso è consentito solo ai dipendenti di alcuni enti. è previsto, inoltre, il “servizio sms” che permette e consente di ricevere, sul proprio cellulare, le novità sulle prestazioni Inpdap come le pensioni, i prestiti, i mutui, le borse di studio, i soggiorni e le vacanze e master, oppure solo su alcuni settori”.

Quali sono i servizi on-line previsti per gli iscritti ex E.N.A.M.?
“Per gli iscritti al soppresso Ente Nazionale di Assistenza Magistrale, ora confluito in Inpdap, sono previsti i servizi di consultazione dello stato delle pratiche, l’invio on-line della richiesta di soggiorno climatico termale”.

Per quanto riguarda i pensionati, quali sono le possibilità previste ed offerte dall’ informatizzazione?
“Per gli utenti pensionati Inpdap sono messi a disposizione vari servizi in linea utilizzabili previa autenticazione tramite codice fiscale e pin personale. Entrando nel particolare, i servizi offerti sono: la visualizzazione della rata mensile di pensione, la visualizzazione e la stampa di copia del modello Cud, la visualizzazione e la stampa del modello 730 già consegnato a una sede Inpdap. Sono previsti  inoltre anche i soggiorni senior”.

Le nuove programmazioni e/o normative di legge cosa prevedono per l’Inpdap?
“In questo campo ci sono varie incognite che, oggi, sussistono per l’Ente. E mi riferisco alla possibilità di accorpamento con l’Inps. Resta, comunque, una situazione per così dire aleatoria, in quanto non conosciamo quali sono gli interventi che verranno effettivamente operati nel futuro”.

Tra le varie sedi Inpdap regionali esistono, in campo dirigenziale, costanti collegamenti di confronto e di dialogo?
“Sì. Abbiamo una conferenza della direzione regionale che teniamo quasi a carattere mensile. Ci incontriamo con i dirigenti ed esiste poi un ufficio formazione, sempre a livello di direzione regionale, che segue e conosce i fabbisogni formativi che provengono dalle singole sedi”.

Quali sono gli obiettivi prefissati che bisogna e si intende raggiungere? La sede Inpdap di Messina si trova ad essere in linea con questi?
“I nostri obiettivi sono di carattere quantitativo e negli ultimi tempi sono stati aggiunti anche obiettivi di carattere qualitativo. Questi ultimi prevedono, ad esempio, una attenzione nei tempi di erogazione delle prestazioni. I tempi citati e cui si deve fare riferimento sono quelli previsti nella nostra Carta dei Servizi. Riporto un esempio su tutti: in materia di prestiti, la cessione del quinto dovrebbe essere erogato in sessanta giorni. L’Inpdap di Messina è più o meno, in linea con i suddetti obiettivi”.
 

 
Erogazione di prestiti e mutui ipotecari. Varie novità introdotte nell’ultimo anno

Qual è la situazione attuale inerente al credito?
“L’Inpdap offre finanziamenti a tassi agevolati per i lavoratori, i pensionati e le loro famiglie. Questi sono erogati direttamente dall’istituto oppure da banche e società finanziarie in convenzione. Varie le novità introdotte dall’anno passato sia per l’erogazione dei prestiti sia dei mutui ipotecari”.

Quali sono le differenze di erogazione?
“Nel primo caso, si tratta di prestiti e mutui che l’Inpdap finanzia con un proprio fondo credito: la gestione unitaria autonoma delle prestazioni creditizie e sociali. Nel secondo, invece, i finanziamenti sono erogati da banche e società finanziarie, sulla base di convenzioni stipulate con l’istituto”.

Ci fa qualche esempio concreto in relazione ai tassi di interesse in vigore attualmente?
“Per quanto riguarda i piccoli prestiti, il tasso di interesse nominale annuo è del 4,25%; mentre per il prestito pluriennale è del 3,50%. Per l’erogazione di mutui ipotecari per l’acquisto prima casa, il tasso fisso è del 3,75 % per l’intera durata del mutuo; la durata dei piani di ammortamento dei mutui, ricordo, può essere di dieci, quindici, venti, venticinque o trenta anni. Mentre il tasso variabile è del 3,50 % per il primo anno e, con decorrenza dalla terza rata, tasso variabile pari all’ Euribor a sei mesi, calcolato su trecentosessanta giorni, maggiorato di novanta punti base, rilevato il trenta giugno o il trentuno dicembre del semestre precedente ed applicato sul debito residuo a tale data”.
 

 
Curriculum
 
Giuseppe Amato, nato a Messina il 30 Aprile 1969, ha conseguito la laurea in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Messina nel 1993. è stato funzionario di cancelleria dal febbraio del 1996 presso la Procura della Repubblica di Messina. Nel 1998 ha conseguito l’ abilitazione all’esercizio della professione legale. Vincitore del II corso-concorso di formazione dirigenziale, con stage all’ufficio legislativo della Presidenza del Consiglio, dal 2003 è direttore dell’Inpdap di Messina.

Articolo pubblicato il 27 settembre 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Giuseppe Amato, dirigente della sede Inpdap di Messina
Giuseppe Amato, dirigente della sede Inpdap di Messina