Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Palermo - Scuole, ancora disagi in arrivo
di Luca Insalaco

Nei giorni scorsi il Tar ha accolto il ricorso Ata dichiarando illegittima la riduzione dell’organico. Le testimonianze del personale tecnico e amministrativo alle prese con i tagli

Tags: Palermo, Lavoro, Scuola



PALERMO – È di passione l’inizio dell’anno scolastico per i lavoratori del mondo della scuola.
Personale precario come gli Ata. Un orizzonte di soli 365 giorni, dal primo settembre al 31 agosto. Dieci anni di contratti annuali e ora la beffa dei tagli.

Domenico Rossi, assistente tecnico di informatica, 59 anni di età e 12 di precariato sulle spalle: “Ho tre figli da mantenere, di cui due universitari e una che va al liceo. Lo stipendio di mia moglie non sappiamo come dividerlo prima”. Il personale tecnico invoca le direttive europee che indicano la strada della stabilizzazione dopo 36 mesi di precariato e rivendica il proprio ruolo nella scuola pubblica.

“La riforma non ha tenuto conto delle esigenze del territorio – accusa Giacomo Russo –. Continuando a tagliare il personale Ata, le scuole saranno costrette a chiudere. Si tratta di personale che rappresenta i muscoli delle scuole. I laboratori, ad esempio, non possono essere aperti ed è a rischio la stessa sicurezza degli studenti”. “Tutto ciò comporta disagio nelle scuole e nelle famiglie”, gli fa eco Giusi Scafidi, consigliera provinciale Idv, al fianco della protesta dei precari.
“Il Consiglio di Stato – ricorda Russo - ha dichiarato i tagli illegittimi, altrettanto ha fatto il Tar Lazio. Mi chiedo che senso abbia fare progetti per la legalità nelle scuole quando il ministro è il primo a non rispettare le sentenze”.

Già, le sentenze. Anche in Sicilia il personale precario ha ottenuto una prima vittoria, dopo aver impugnato il decreto che ha imposto i tagli nell’Isola. Nei giorni scorsi, infatti, il Tar Palermo ha accolto in sede cautelare il ricorso presentato dal personale Ata della provincia, dichiarando l’illegittimità della riduzione dell’organico per violazione dei parametri di calcolo, predeterminati in modo uniforme sul territorio nazionale in base a precise tabelle.
 
Esprime soddisfazione l’avvocato Nadia Spallitta, che ha predisposto il ricorso dei precari: “È la prima volta - spiega - che si ottiene una pronuncia così netta, in relazione ai tagli all’organico, e mi auguro che ci sia uno spirito di collaborazione con l’Ufficio scolastico provinciale, che si consenta a tanti lavoratori di riprendere l’attività lavorativa interrotta a causa dell’ingiusto ridimensionamento, e che si garantisca così anche la funzionalità della scuola”.
 

 
Il quadro nazionale. Il provvedimento molto gravoso in Sicilia
 
PALERMO - A chiarire meglio i contorni della pronuncia della magistratura amministrativa è il legale dei precari, Nadia Spallitta: “Il Tar ha disposto il riesame della riduzione dei posti disponibili, imponendo al Provveditorato di attenersi al Dpr 119 del 2009, in modo da garantire, tra l’altro, l’uniforme applicazione sull’intero territorio del ridimensionamento, che, invece, in questo momento grava eccessivamente sulle graduatorie delle province siciliane. È un primo successo – aggiunge la Spallitta - anche perché viene riconosciuto il danno grave e irreparabile, e quindi la posizione legittimante dei precari della scuola. In altre parole, anche il Tar, nei fatti, riconosce il titolo e il diritto al lavoro del personale Ata, inserito nelle graduatorie provinciali permanenti da più di 36 mesi”.

Articolo pubblicato il 04 ottobre 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus