Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Doppio incarico, sindaci fuorilegge
di Alessandro Petralia

Politica. Terremoto in vista per molti deputati Ars.
Incostituzionale. La sentenza n. 143/2010 ha dichiarato irregolare la legge elettorale siciliana che permetteva ai deputati regionali di amministrare anche i grandi Comuni e le Province.
“Effetto Nicotra”. Il sindaco di Aci Catena è stato costretto a dimettersi dopo l’ordinanza della Corte suprema del 16 settembre, ma gli altri deputati nella stessa posizione se ne infischiano.

Tags: Politica, Ars, Regione Siciliana



PALERMO – Sono passati 17 mesi da quando la Corte costituzionale ha emanato la sentenza n. 143 dell’aprile 2010 con cui ha bocciato la legge elettorale siciliana. Eppure, l’irresponsabilità istituzionale di molti politici isolani ha fatto sì che per un anno e mezzo si facesse finta che la sopravvenuta incompatibilità dei doppi incarichi dei deputati Ars fosse un problema da niente, mentre è a tutti gli effetti uno scandalo della nostra politica.
Per un primo cittadino - Raffaele Nicotra, ad Aci Catena – che si è dimesso, ci sono altri sindaci, assessori e presidenti di Provincia che ancora si ostinano a stare seduti sulle loro comode e remunerative poltrone.
Il rischio è che, collezionando poltrone e incarichi, venga pesantemente compromessa la produttività a scapito di uno o dell’altro ruolo ricoperto, a danno quindi dei cittadini. (continua)

Articolo pubblicato il 11 ottobre 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
La geografia delle doppie poltrone in Sicilia
La geografia delle doppie poltrone in Sicilia