Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Giovanni Brusca: la trattativa ci fu
Il collaboratore di giustizia ha ribadito la sua verità al processo Mori. “Riina mi parlò anche del papello tra Capaci e via D’Amelio”

Tags: Giovanni Brusca, Mafia Totò Riina



PALERMO - ‘’Totò Riina mi parlò del papello e della trattativa, per la prima volta, certamente prima della strage di via D’Amelio’’. A ribadirlo, deponendo al processo per favoreggiamento aggravato alla mafia all’ex generale dei carabinieri, Mario Mori, è stato ieri il pentito Giovanni Brusca. Il collaboratore che, correggendo una prima versione, aveva già anticipato la trattativa ai giorni che intercorsero tra l’eccidio di Capaci e quello di via D’Amelio, ha voluto aggiungere nuovi particolari sul punto e ha chiesto ai giudici di tornare sul banco dei testimoni. Questa è la cronologia dei fatti ricostruita da Brusca: Riina, tra fine giugno e inizi luglio del 1992, a margine di un summit di mafia a casa del mafioso Girolamo Guddo gli avrebbe detto che ‘’lo Stato finalmente si era fatto sotto e che lui gli aveva dato un papello con una serie di richieste scritte’’.

Successivamente Brusca e il capomafia corleonese si sarebbero visti in un’altra occasione per programmare un duplice omicidio ma non sarebbero tornati a discutere del papello. Il 16 luglio del ‘92, tre giorni prima dell’omicidio di Borsellino, Brusca avrebbe incontrato il boss Salvatore Biondino che gli avrebbe accennato ad un ‘’lavoro da compiere’’. Il pentito avrebbe poi capito che si riferiva alla strage di via d’Amelio. Sempre in quella occasione, Biondino gli riferi’ da parte di Riina di sospendere i preparativi di una serie di attentati progettati a politici come l’ex ministro Calogero Mannino.

Infine Brusca ha ricordato di avere rivisto Riina a metà agosto del ‘92. In quell’occasione, a cui erano presenti anche i boss Vincenzo Sinacori e Leoluca Bagarella, sarebbe venuta fuori l’esigenza ‘’di dare un altro colpetto per far tornare qualcuno a trattare’’.

Si trattava del fallito attentato all’Olimpico del ‘94, in cui sarebbero dovuti morire decine di carabinieri: “Fino a quando Gaspare Spatuzza non me ne parlò non sapevo del progetto di attentato ai carabinieri allo stadio Olimpico. Fu lui a dirmi che serviva per vendicarsi dei carabinieri che non avevano rispettato i patti”.

Articolo pubblicato il 11 ottobre 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus